Attendere il caricamento...
Archivio

Archivio

PRESIDI: RIPARTE IL CONCORSO!

PRESIDI: RIPARTE IL CONCORSO!

Può continuare il concorso per il reclutamento di 2.050 dirigenti scolastici che era stato annullato dal Tar del Lazio. Il via libera è arrivato dal Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso del Miur. "Procederemo senza indugio con le assunzioni. La scuola non può aspettare, ha bisogno di nuovi dirigenti scolastici per guidare gli istituti e superare il fenomeno dannoso delle reggenze", ha detto il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti.

  • Condividi
Read more
UTILIZZAZIONI ED ASSEGNAZIONI PROVVISORIE 2019

UTILIZZAZIONI ED ASSEGNAZIONI PROVVISORIE 2019

Ricordiamo la scadenza delle domande:
Docenti dal 9 luglio al 20 luglio in modalità online sul portale di istanze online
ATA dal 9 luglio al 20 luglio in modalità cartacea
Personale educativo e docenti di religione cattolica dal 9 luglio al 20 luglio in modalità cartacea
Non sussiste nella mobilità annuale alcun vincolo triennale. Pertanto anche il personale che sia stato soddisfatto nella mobilità su una preferenza analitica può chiedere l’utilizzazione e/o l’assegnazione provvisoria.

  • Condividi
Read more
DOMANDE DI ASSEGNAZIONE E UTILIZZAZIONI PROVVISORIE

DOMANDE DI ASSEGNAZIONE E UTILIZZAZIONI PROVVISORIE

Si comunica che dal 9 al 20 luglio p.v.  i docenti di ogni ordine e scuola potranno presentare le domande di assegnazione provvisoria e di utilizzazione utilizzando la piattaforma di istanze on line.

Anche il  personale ATA potrà presentare le domande di assegnazione provvisoria e di utilizzazione dal 9 al 20 luglio p.v., ma in modalità cartacea.

  • Condividi
Read more
Raggiunto l’accordo con il Ministro Bussetti su PAS e fase transitoria per stabilizzare i docenti con tre annualità di servizio

Raggiunto l’accordo con il Ministro Bussetti su PAS e fase transitoria per stabilizzare i docenti con tre annualità di servizio

La trattativa con il Governo sul reclutamento dei precari e l’accesso a un percorso abilitante speciale si è conclusa positivamente e al termine dell’incontro dell'11.06.19 è stata firmata un’intesa unitariamente dalle organizzazioni sindacali con il Ministro Bussetti.

  • Condividi
Read more
CCNI UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DOCENTI, PERSONALE EDUCATIVO ED ATA: FIRMATA L'IPOTESI TRIENNALE!

CCNI UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DOCENTI, PERSONALE EDUCATIVO ED ATA: FIRMATA L'IPOTESI TRIENNALE!

In data 12 giuno 2019 si è svolto al Miur l’ultimo incontro concernente il contratto sulle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed Ata per il triennio 2019/20 – 2020/21-2021/2022. E’stata firmata l’ipotesi da tutti i sindacati intervenuti al tavolo ed accolte le principali richieste dello Snals-Confsal, che di seguito indichiamo e che segnano passi avanti significativi sulla materia:

1.  L’assegnazione provvisoria può essere richiesta da tutti gli interessati per i previsti motivi di ricongiungimento e cura, indipendentemente dall’esito della mobilità.

2.  confermata l’assegnazione provvisoria sui posti di sostegno: tale punto prevede per alcuni docenti, in via derogatoria, la possibilità di richiedere l’assegnazione provvisoria interprovinciale sui posti di sostegno senza essere in possesso del titolo specializzazione, purché stiano per concludere il percorso di specializzazione sul sostegno o, in subordine, abbiano prestato almeno un anno di servizio – anche a tempo determinato – su posto di sostegno. Tuttavia per non penalizzare i docenti specializzati delle GAE e delle graduatorie di istituto, tali assegnazioni dovranno avvenire in subordine dopo aver accantonato i posti di sostegno per i docenti presenti in GAE e in graduatoria di istituto con titolo di specializzazione su sostegno;

3.  questo contratto prevede la validità triennale, con la clausola di riapertura per far fronte a subentrate esigenze. Le operazioni rimangono annuali compresa la facoltà di presentare annualmente la domanda se in possesso dei requisiti;

4.  discipline di indirizzo dei licei musicali: nell’ottica di procedere con la necessaria gradualità omologando le disposizioni previste per le altre classi di concorso ed in armonia con quanto stabilito dal CCNI della mobilità, sono previste le utilizzazioni e l’accantonamento delle quote-orario ai precari solo per conferma e a salvaguardia della continuità didattica. Si tratta di una fase transitoria che si applica esclusivamente per l’a.s. 2019/2020.

     Per quanto attiene invece le domande di assegnazione provvisoria provinciale e interprovinciale per i docenti delle discipline dei licei musicali, queste saranno trattate successivamente alle operazioni di utilizzazione per il solo primo anno di vigenza del CCNI. Per gli anni scolastici successivi, 2020/2021 e 2021/2022, i movimenti saranno a regime;

5.  docenti FIT individuati entro il 31 agosto 2018, ovvero i primi vincitori del concorso 2018 per la secondaria, per i quali, dato lo stato giuridico a tempo determinato, non è stata prevista la possibilità di trasferimento: viene estesa in via straordinaria, anche per questi docenti, la possibilità di poter fare domanda di assegnazione provvisoria 2019 in coda alla procedura.

  • Condividi
Read more

Pubblicata la banca dati dei quesiti per la prova preselettiva del concorso DSGA

PUBBLICATA LA BANCA DATI DEI QUESITI PER LA PROVA PRESELETTIVA DEL CONCORSO DSGA Il MIUR ha pubblicato la banca dati di 4.000 quesiti per la prova preselettiva del concorso per il reclutamento di 2.004 Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi per le Istituzioni scolastiche statali (D.d. 2015 del 20 dicembre 2018). La prova preselettiva si svolgerà nei giorni 11, 12 e 13 giugno 2019 nelle sedi individuate dagli Uffici Scolastici Regionali; avrà una durata massima di 100 minuti e consisterà nella somministrazione di 100 quesiti a risposta multipla, riguardanti le discipline previste per le prove scritte. Alla pagina https://www.miur.gov.it/web/guest/-/scuola-pubblicata-la-banca-dati-deiquesiti-per-la-prova-preselettiva-del-concorso-dsga è possibile scaricare i quesiti per la prova preselettiva suddivisi per materie.

  • Condividi
Read more
#liberidinsegnare #liberidimparare

#liberidinsegnare #liberidimparare

#liberidinsegnare #liberidimparare

Sono questi gli hastag alla base dell’iniziativa promossa dai sindacati scuola che potranno essere condivisi e rilanciati da insegnanti, studenti, cittadini per raccontare le loro esperienze e per ribadire l’importanza di un’istruzione senza censure e condizionamenti.

La libertà di insegnamento è un bene fondamentale e indispensabile in ogni società democratica.

È una prerogativa che la nostra Costituzione affida alle scuole e ai docenti.

Spirito critico, capacità di analisi e di lettura dei fatti del mondo, sono gli obiettivi che gli studenti dovrebbero raggiungere nel loro percorso di studi per l’esercizio di una cittadinanza attiva.

Per

•    garantire il pluralismo,

•    difendere le prerogative professionali,

•    tutelare libertà                                                  fondamentali che    attengono    alla     nostra     democrazia costituzionale,

•    rivendicare l’istituzione di un organismo indipendente con il compito di valutare il corretto esercizio della libertà di insegnamento e di tutelare l'autonomia professionale individuale e collegiale

•    affermare i valori che devono essere gelosamente custoditi e difesi dalla nostra Scuola in tutto il Paese

i sindacati del comparto istruzione e ricerca indicono un’iniziativa nazionale che si terrà a Palermo il giorno 24 maggio, con una grande assemblea aperta ed una fiaccolata.

Contemporaneamente altre iniziative analoghe si svolgeranno a livello locale in tutta Italia.

I fatti che riguardano la professoressa Dell’Aria sono il sintomo di una pericolosa tendenza della politica a invadere e condizionare gli spazi in cui si esercitano l’azione didattica e l’autonomia delle istituzioni scolastiche.

Una tendenza che potrebbe facilmente accentuarsi nella prospettiva, da combattere e respingere nettamente, di un governo del sistema scolastico non più unitario e nazionale ma affidato alla competenza delle singole regioni.

Invitiamo tutto il personale docente, ATA e dirigente, le RSU a farsi parte attiva per far crescere su tutto ciò il livello complessivo di attenzione e di consapevolezza, promuovendo momenti di discussione da portare a sintesi in documenti che potranno essere inviati alle strutture nazionali perché ne favoriscano la circolazione anche nell’ambito delle iniziative assunte a livello nazionale.

In tutte le iniziative attivate proseguirà la raccolta di adesioni all’appello “contro la regionalizzazione del sistema di istruzione”; ricordiamo che la sottoscrizione dell’appello può essere fatta anche on line al seguendo indirizzo: https://goo.gl/forms/anOr0fhibkHXFWDK2

  • Condividi
Read more
ESTERO:NOMINE PER FUNZIONI DI COMMISSARIO DI ESAME PER IL PERSONALE DOCENTE IN SERVIZIO IN ITALIA PER L’A.S. 2018/19 – TERMINI DOMANDE DALLE ORE 12.00 DEL 7/5/19 ALLE ORE 12.00 DEL 24/5/19

ESTERO:NOMINE PER FUNZIONI DI COMMISSARIO DI ESAME PER IL PERSONALE DOCENTE IN SERVIZIO IN ITALIA PER L’A.S. 2018/19 – TERMINI DOMANDE DALLE ORE 12.00 DEL 7/5/19 ALLE ORE 12.00 DEL 24/5/19

Estero: Esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado nelle scuole italiane all'estero. Nomine per funzioni di commissario di esame per il personale docente in servizio in Italia per l’a.s. 2018/19 – Termini domande dalle ore 12.00 del 7/5/19 alle ore 12.00 del 24/5/19. Le sedi di Buenos Aires, Cordoba, La Plata, Lima, Montevideo, San Paolo, Santiago del Cile e Valparaiso-Viña del Mar osservano il calendario australe (esami a novembre - dicembre 2019).

  • Condividi
Read more

COMPILAZIONE MODELLO G PERSONALE ATA

Si comunica che con nota n. 1062 del 17/04/2019, il MIUR ha invitato gli uffici provinciali a completare entro il 31 maggio 2019 l’acquisizione delle nuove domande di inserimento nelle graduatorie permanenti.
A seguire, dal 3 al 24 giugno sarà quindi possibile compilare, tramite Istanze On Line, il MODELLO G per la scelta delle 30 scuole nelle cui graduatorie di circolo e d’istituto di 1^ fascia si vuole essere inseriti.

  • Condividi
Read more

CAMPAGNA FISCALE 2019

CAMPAGNA FISCALE 2019 – SNALS BOLOGNA

 

Il CAF dello Snals di via Bigari 17/2, Bologna,  opera da oltre vent’anni nel panorama dell’assistenza fiscale e vanta una profonda esperienza in materia.

  • Con Caf Snals- Confsal di Bologna sei tutelato al 100%
  • Prezzi altamente concorrenziali per gli iscritti Snals
  • Assistenza per l’elaborazione del modello 730 e del modello Redditi Persone Fisiche e trasmissione all’Agenzia delle Entrate
  • Trasmissione telematica modelli F24 con addebito o compensazione automatici
  • Trasmissione telematica di tutte le tipologie di dichiarazioni fiscali
  • Visure catastali
  • Assistenza completa per IMU e TASI
  • Assistenza predisposizione dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISE/ISEE)
  • Isee Università
  • Assistenza telematica e telefonica costante

 

PER PRENOTARE CHIAMARE   051 366065  il:

LUNEDI' – MERCOLEDI’ - GIOVEDI'  DALLE 15.30 ALLE 18.00

VENERDI' DALLE 9.00 ALLE 12.00

 

Scadenza 19 luglio 2019

  • Condividi
Read more
Auguri di buona Pasqua.

Auguri di buona Pasqua.

La Segreteria Provinciale Snals di Bologna augura una lieta e serena Santa Pasqua.

Il Segretario Prov. Claudia Bianchini

e collaboratori. 

 

 

  • Condividi
Read more
#ATTIVIUNITARI

#ATTIVIUNITARI

Mobilitazione generale sulla scuola contro la regionalizzazione per il rinnovo del contratto e contro ogni forma di precarietà. La piattaforma rivendicativa comune da condividere con tutto il personale ATA – Comunicato SNALS Confsal, FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola RUA, GILDA UNAMS.

SNALS CONFSAL, FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA RUA, GILDA UNAMS: il personale ATA impegnato nella mobilitazione generale sulla scuola contro la regionalizzazione per il rinnovo del contratto e contro ogni forma di precarietà.

Nell’ambito del percorso unitario di mobilitazione generale, Flc CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola RUA, SNALS Confsal, GILDA UNAMS presentano una piattaforma rivendicativa comune da condividere con tutto il personale ATA e tra i lavoratori tutti della scuola, nelle assemblee e negli attivi che saranno organizzati fin dai prossimi giorni in tutta Italia.

Il documento unitario affronta, sia l’azione comune di contrasto all’autonomia differenziata, rivolta a difendere diritti, retribuzioni e prestazioni uguali per tutti nell’intero territorio nazionale, sia dei punti specifici sui quali abbiamo focalizzato le rivendicazioni storiche per la categoria, tra le quali:

  • organici stabili e potenziati,
  • estensione della figura di assistente tecnico in tutte le scuole,
  • riattivazione della mobilità professionale,
  • riavvio delle posizioni economiche,
  • pagamento delle indennità obbligatorie,
  • formazione di qualità in servizio,
  • stabilizzazione del precariato,
  • semplificazione amministrativa ed esclusione di ulteriori aggravi di competenze oggi a carico di altri Enti pubblici.
  • attribuzione del ruolo di DSGA ai facenti funzione

Le iniziative sindacali e politiche in coordinamento FLC CGIL CISL Scuola e Federazione UIL Scuola RUA, SNALS Confsal, GILDA UNAMS saranno orientate ad ottenere il più ampio contributo della categoria nella discussione su tutti temi proposti e nella individuazione delle azioni più efficaci a sostegno della piattaforma unitariamente condivisa e per portare a positiva soluzione i problemi denunciati.

Roma, 14 marzo 2019

 

Flc  CGIL

Francesco Sinopoli

CISL  Scuola

Maddalena Gissi

UIL Scuola Rua

Giuseppe Turi

SNALS  Confsal

Elvira Serafini

GILDA Unams

Rino Di Meglio

 

  • Condividi
Read more
CONCORSO DSGA – PROVE PRESELETTIVE

CONCORSO DSGA – PROVE PRESELETTIVE

In data 15 marzo sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale le date per l’espletamento delle prove preselettive per il concorso DSGA e l’accorpamento delle commissioni per le regioni con un numero esiguo di posti disponibili.
E’ importante sottolineare che le prove preselettive si svolgeranno comunque nella regione per la quale si concorre e che, eventuali modifiche alle date indicate del 11,12 e 13 giugno saranno comunicate con la Gazzetta Ufficiale serie speciale concorsi ed esami n. 42 del 28/5/2019. Si riporta integralmente quanto pubblicato in gazzetta in Gazzetta Ufficiale 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» n. 21 del 15-03-2019.

Si rende noto, altresì, che almeno venti giorni prima rispetto alle date su indicate, sul sito internet del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (www.miur.gov.it), sarà pubblicata la banca dati di 4000 quesiti da cui verranno estrapolati i quesiti oggetto della prova preselettiva.

Si comunica, infine, che l'elenco delle sedi con la loro esatta ubicazione, l'indicazione della destinazione dei candidati distribuiti sulla base della regione per la quale hanno presentato la domanda di partecipazione, nonché l'ora di svolgimento della prova preselettiva e le ulteriori istruzioni operative, saranno comunicate almeno quindici giorni prima della data di svolgimento della prova tramite avviso pubblicato sul sito internet del Ministero (www.miur.gov.it) e degli USR competenti.

  • Condividi
Read more
Concorsi per titoli per l’accesso ai ruoli provinciali del personale A.T.A. Concorsi per titoli per l’accesso ai ruoli provinciali del personale A.T.A.

Concorsi per titoli per l’accesso ai ruoli provinciali del personale A.T.A.

In allegato i bandi relativi ai profili professionali dell’area A e B del personale A.T.A., e la relativa modulistica.

I bandi sono affissi, contestualmente, all’Albo di questo Ufficio e di ciascun Ufficio di Ambito Territoriale competente in data 20 marzo 2019.

Il termine di scadenza per la presentazione delle domande è fissato al 19 aprile 2019.

 

http://istruzioneer.gov.it/2019/03/20/concorsi-per-titoli-per-laccesso-ai-ruoli-provinciali-del-personale-a-t-a/

  • Condividi
Read more
Mobilità: domande di trasferimento

Mobilità: domande di trasferimento

Termini per le operazioni di mobilità
Il termine iniziale per la presentazione delle domande di movimento per tutto il personale docente è fissato all’11 marzo 2019 ed il termine ultimo è fissato al 5 aprile 2019
Il termine iniziale per la presentazione delle domande di movimento per tutto il personale educativo è fissato al 3 maggio 2019 ed il termine ultimo è fissato al 28 maggio 2019.
Il termine iniziale per la presentazione delle domande di movimento per il personale ATA è fissato al 1° aprile 2019 ed il termine ultimo è fissato al 26 aprile 2019.

Documenti

Ulteriori Informazioni 

  • Condividi
Read more
DIPLOMATI MAGISTRALI – NUOVA SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO

DIPLOMATI MAGISTRALI – NUOVA SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO

Il Consiglio di Stato, a Sezioni riunite, ha pronunciato un'altra sentenza relativa al complesso problema dei diplomati magistrali.

La sentenza riconferma, sostanzialmente, quanto già deliberato a Novembre 2018.

Ora si è ancora in attesa della pronuncia della Cassazione la cui udienza è fissata per il 12 marzo.

Nel frattempo coloro che hanno una supplenza annuale sulla base del D.L. Luglio 2018 (Decreto Dignità) devono poterla proseguire in virtù della norma che prevede l'applicazione di sentenze passate in giudicato entro quattro mesi dalla data del giudizio.

E' evidente che questi colleghi parteciperanno al concorso riservato straordinario, che dovrà concludersi con le graduatorie regionali pubblicate entro il prossimo 30 luglio.

Come si vede ci sono diversi passaggi ancora da realizzare e, pertanto, lo SNALS CONFSAL ha chiesto al Ministero l'emanazione di una nota che precisi quanto sopra e di operare affinché i tempi delle procedure concorsuali vengano rispettati onde evitare la vanificazione dei provvedimenti fin qui adottati, che sarebbe veramente drammatico per gli interessati.

 

 

  • Condividi
Read more
Sostegno, aggiornamento delle date delle prove di accesso ai corsi di specializzazione

Sostegno, aggiornamento delle date delle prove di accesso ai corsi di specializzazione

Mercoledì, 27 febbraio 2019

Sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, è disponibile il decreto con le nuove date relative alle prove per l’accesso ai corsi di specializzazione sul sostegno.
Lo slittamento è stato richiesto, in data 26 febbraio, dalla Conferenza dei Rettori (CRUI) al fine di consentire agli atenei una più efficace organizzazione delle prove.
Le prove si svolgeranno il 15 aprile (di mattina per la Scuola dell’infanzia e di pomeriggio per la Scuola primaria) e il 16 aprile (di mattina per la Scuola Secondaria di I grado e di pomeriggio per la Scuola secondaria di II grado).

Aggiornamento delle date delle prove di accesso ai corsi di specializzazione.

  • Condividi
Read more
Specializzazioni sostegno: 14.224 posti disponibili, prove di accesso il 28 e 29 marzo

Specializzazioni sostegno: 14.224 posti disponibili, prove di accesso il 28 e 29 marzo

Il MIUR ha emanato ieri il decreto di distribuzione alle Università dei 14.224 posti disponibili per l’anno accademico 2018/2019 per le specializzazioni sul sostegno. Le prove di accesso e le modalità di espletamento delle stesse saranno disciplinate, ai sensi dell’articolo 3 comma 2, del decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca 8 febbraio 2019, n. 92, dai bandi emanati da ciascun Ateneo. Le prove di accesso saranno costituite da un test preliminare, da una o più prove scritte ovvero pratiche e da una prova orale, predisposte dagli atenei secondo le disposizioni di cui all'articolo 4 del predetto decreto 8 febbraio 2019, n.92.. Le date di svolgimento dei test preliminari sono fissate per tutti gli indirizzi della specializzazione per il sostegno nei giorni 28 e 29 marzo 2019 con le modalità di seguito indicate: 

-  mattina del 28 marzo 2019 prove scuola dell’ infanzia, pomeriggio del 28 marzo 2019 prove scuola primaria; 

-  mattina del 29 marzo 2019 prove scuola secondaria I grado, pomeriggio del 29 marzo 2019 prove scuola secondaria II grado. 

Per quanto concerne la predisposizione da parte degli Atenei di percorsi abbreviati e della valutazione delle competenze già acquisite si applicano le disposizioni di cui all’articolo 3, commi 5 e 6 del decreto 8 febbraio 2019, n.92. In deroga a quanto disposto dall’articolo 3 comma 3 del decreto 8 febbraio 2019, n.92, i corsi dovranno concludersi, in ragione delle tempistiche previste per gli adempimenti procedurali, entro il mese di febbraio 2020.

Si allegano :

•          DM specializzazione sostegno

•          Tabella specializzazione sostegno

  • Condividi
Read more
ESTERO, BANDI PER POSIZIONI APERTE POSTI END

ESTERO, BANDI PER POSIZIONI APERTE POSTI END

Si comunica che sul sito del MAECI - (link http://www.esteri.it/mae/it/ministero/servizi/italiani/opportunita/nella_ue/nelle_istituzioni/espertinazionalidistaccati/ricerca_espertinazdistaccati.html) - sono stati pubblicati i bandi relativi a:
- 13 posizioni END presso la Commissione Europea con scadenza 17 aprile 2019;
- 4 posizioni END presso la Commissione Europea con scadenza 18 marzo 2019;
- 17 posizioni END presso la Commissione Europea con scadenza 15 marzo 2019;
Le domande dovranno pervenire entro le ore 13.00 della data di scadenza dei bandi, complete di tutta la necessaria documentazione, all’Ufficio IV della Direzione Generale per l’Unione Europea all’indirizzo e-mail dgue.04-candidature@cert.esteri.it (o: dgue04.candidature@esteri.it per posta elettronica non certificata).

  • Condividi
Read more
PART TIME: DOMANDE ENTRO IL 15 MARZO

PART TIME: DOMANDE ENTRO IL 15 MARZO

Entro il prossimo 15 marzo devono essere prodotte, da parte del personale di ruolo interessato, le istanze di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale per l’a.s. 2019/20.

(...) Con ordinanza del Miur, previa intesa con i Ministri dell’Economia e della Funzione Pubblica, sono determinati i criteri e le modalità per la costituzione dei rapporti di lavoro in part time, nonché la durata minima delle prestazioni lavorative, che deve essere di norma pari al 50% di quella a tempo pieno; in particolare, con la stessa ordinanza sono definite le quote percentuali delle dotazioni organiche provinciali, per ciascun ruolo, profilo professionale e classe di concorso a cattedre, da riservare a rapporti a tempo parziale, in relazione alle eventuali situazioni di soprannumero accertate.

  • Condividi
Read more
PERCORSI DI SPECIALIZZAZIONE PER IL SOSTEGNO – DECRETO MIUR 92/2019

PERCORSI DI SPECIALIZZAZIONE PER IL SOSTEGNO – DECRETO MIUR 92/2019

Si riportano di seguito, analiticamente, i requisiti di ammissione alle procedure di specializzazione sul sostegno.

Specializzazione sul sostegno per la scuola primaria e infanzia - Titolo di abilitazione all’insegnamento conseguito presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente; Diploma magistrale, compreso il diploma sperimentale a indirizzo psicopedagogico, con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, conseguiti, comunque, entro l’a.s. 2001/2002.

Specializzazione sul sostegno per la scuola secondaria di primo e secondo grado - E’ necessario il possesso dei requisiti previsti al comma 1 o al comma 2 dell’articolo 5 del d.lgs. n. 59/2017, con riferimento alle procedure distinte per la scuola secondaria di primo o secondo grado, nonché gli analoghi titoli di abilitazione conseguiti all’estero e riconosciuti in Italia ai sensi della normativa vigente e, quindi, l’abilitazione all’insegnamento o in alternativa la laurea magistrale accompagnata dai 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche. Sono ammessi con riserva coloro che, avendo conseguito il titolo abilitante all’estero, abbiano presentato la relativa domanda di riconoscimento alla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, entro la data termine per la presentazione delle istanze per la partecipazione alla specifica procedura di selezione.

In prima applicazione del decreto 92/2019 potranno presentare istanza di partecipazione i candidati che hanno svolto, “nel corso degli otto anni scolastici precedenti, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione, almeno tre annualità di servizio, anche non successive, valutabili come tali ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124, su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione”. Al corso di specializzazione potranno partecipare anche gli ITP: “I requisiti previsti dall’articolo 5, comma 2, del decreto legislativo n.59/2017 per i posti di insegnante tecnico – pratico sono richiesti per la partecipazione ai percorsi di specializzazione sul sostegno banditi successivamente all’anno scolastico 2024/2025. Sino ad allora rimangono fermi i requisiti previsti dalla normativa vigente in materia di classi di concorso”.

  • Condividi
Read more

Disposizioni concernenti le procedure di specializzazione sul sostegno di cui al decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca lO settembre 2010, n. 249 e successive modificazioni.

Decreto

l percorsi di cui al presente decreto sono istituiti ed attivati dagli Atenei, anche in
convenzione tra loro, nel limite dei posti autorizzati per ciascun Ateneo con decreto del
Ministero, secondo le modalità ed i requisiti del decreto del Ministro dell'istruzione,
dell'università e della ricerca I? dicembre 2016, n. 948.

Requisiti di ammissione e articolazione del percorso

1. Ai sensi della normativa vigente, sono ammessi a partecipare alle procedure di cui al
presente decreto i candidati in possesso di uno dei seguenti titoli:
a. per i percorsi di specializzazione sul sostegno per la scuola dell'infanzia e primaria,
titolo di abilitazione all'insegnamento conseguito presso i corsi di laurea in scienze
della formazione primaria o analogo titolo conseguito all'estero e riconosciuto in
Italia ai sensi della normativa vigente; diploma magistrale, ivi compreso il diploma
sperimentale a indirizzo psicopedagogico, con valore di abilitazione e diploma
sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali o analogo
titolo di abilitazione conseguito all'estero e riconosciuto in Italia ai sensi della
normativa vigente, conseguiti, comunque, entro l'anno scolastico 2001/2002;
b. per i percorsi di specializzazione sul sostegno per la scuola secondaria di primo e
secondo grado, il possesso dei requisiti previsti al comma 1 o al comma 2
dell' articolo 5 del decreto legislativo con riferimento alle procedure distinte per la
scuola secondaria di primo o secondo grado, nonché gli analoghi titoli di abilitazione
conseguiti all'estero e riconosciuti in Italia ai sensi della normativa vigente;
Sono altresì ammessi con riserva coloro che, avendo conseguito il titolo abilitante
all'estero, abbiano presentato la relativa domanda di riconoscimento alla Direzione
generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale (...).

  • Condividi
Read more
Corso di Formazione per la preparazione  al Concorso Ordinario per DSGA

Corso di Formazione per la preparazione al Concorso Ordinario per DSGA

L’Ufficio Nazionale di Formazione SNALS-Confsal propone un Corso di formazione finalizzato alla preparazione al Concorso ordinario per la figura di Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA) nelle Scuole statali di ogni ordine e grado

Il Corso online è RISERVATO e GRATUITO per tutti gli iscritti allo SNALS-CONFSAL e per i  loro familiari

  • Condividi
Read more

Elenchi nominativi aspiranti per Commissioni di valutazione - concorso primaria e infanzia

http://istruzioneer.gov.it/2019/02/08/ddg-1546-2018-elenchi-nominativi-aspiranti-per-commissioni-di-valutazione/

Pubblicati gli elenchi nominativi degli aspiranti a far parte delle Commissioni di valutazione per il concorso straordinario di cui al Decreto del Direttore Generale per il Personale della Scuola del 07.11.2018 n. 1546 per il reclutamento a tempo indeterminato di personale docente nella scuola dell’infanzia e primaria su posto comune e di sostegno

  • Condividi
Read more

PENSIONATI – MODALITÀ PRESENTAZIONE DOMANDE

L’INPS, con il Messaggio n. 395 del 29.01.2019, ha diramato le modalità di presentazione delle domande di pensione, sulla base del decreto del 28.01.2019 in attuazione degli:

  • articolo 14 Quota 100 trattamento di pensione (almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi)
  • articolo 15 pensione anticipata, fissa il requisito contributivo per il periodo 2019-2026:

Donne con 41 anni e 10 mesi

Uomini con 42 anni e 10 mesi

  • articolo 16 Opzione Donna, diritto al trattamento pensionistico anticipato secondo le regole del calcolo contributivo, alle donne che al 31.12.2018 hanno maturato:

una anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni

una età pari o superiore a 58 anni.

 

Le domande possono essere presentate:

Dall’interessato/a in possesso delle credenziali richieste (PIN, SPID o carta dei servizi) per via telematica sul sito www.inps.it, o tramite Patronato o altri soggetti abilitati.

Una volta effettuato l’accesso al sito, accedere alla sezione:

* Domanda Pensione, ricostruzione, ratei, Ecocert, Ape sociale e Benefici precoci

* Scegliere l’opzione “NUOVA DOMANDA”

- nel menù di sinistra selezionare la sequenza relativa alla propria tipologia di pensione:

Quota 100: “Pensione di anzianità/vecchiaia” > “Pensione di anzianità/anticipata” > “Requisito quota 100”;

Pensione anticipata: “Pensione di anzianità/vecchiaia”  > “Pensione anzianità/anticipata”  > “ Ordinaria”;

Opzione Donna: “Pensione anzianità/vecchiaia” > “Pensione di anzianità/anticipata” >  “Contributivo sperimentale lavoratrici”.

Per tutte e tre le tipologie di pensione deve essere selezionato il Fondo e la Gestione di Liquidazione.

La comunicazione riguarda tutti i lavoratori iscritti alle Gestioni private, Pubblica, spettacolo e sport, anche per poter permettere agli interessati, per la pensione quota 100, il cumulo dei periodi assicurativi.

Quindi è una disposizione generica, che interessa la maggior parte di lavoratori dipendenti.

In considerazione delle molte comunicazioni allarmistiche da parte dei nostri iscritti pensionandi, pervenute fin da ieri pomeriggio, al diffondersi della notizia della presentazione delle domande, si fa presente che:

- Come ricordato anche nel notiziario di ieri, al punto “semplificazioni e quota 100”

per il comparto scuola siamo in attesa di una circolare dell’INPS e del Miur per disciplinare i termini e modalità della riapertura dei pensionamenti.

Si ricorda che per poter andare in pensione il 1°.09.2019, rispettando il preavviso dei sei mesi, si deve presentare la domanda all’Amministrazione, entro il 28 febbraio p.v..

La domanda prevista dal messaggio INPS n. 395 corrisponde a quella che normalmente si presenta all’Ente di Previdenza per il pagamento della pensione dopo aver presentato la domanda di pensionamento su istanze online nel sito del Miur.

Quindi non c’è alcun motivo di allarme o agitazione.

Chi vuole può, tranquillamente, in attesa della “circolare concordata” attivarsi per presentare la domanda di pensionamento secondo le modalità e le indicazioni diramate dall’INPS.

Quando poi sarà diramata la circolare Miur/Inps ci si dovrà attenere alle disposizioni e modalità in essa riportate. Ricordiamo che, comunque, per poter operare su istanze online l’interessato deve essersi registrato ed essere in possesso del codice personale di accesso e della relativa password, senza le quali non sarà possibile l’inoltro della domanda di pensionamento.

 

 

  • Condividi
Read more
Corso di preparazione al concorso Scuola infanzia-primaria

Corso di preparazione al concorso Scuola infanzia-primaria

Per coloro che hanno in programma, nel giorno 31/01/2019, le operazioni di scrutinio, l'incontro preliminare è esteso anche al giorno 01/02/2019 alle 17,30 sempre presso la sede provinciale dello Snals in via Bigari n.17/2

in tali occasioni saranno resi noti calendario, programma del corso e modalità di partecipazione.

  • Condividi
Read more

LA CARTA DEL DOCENTE: NOVITA’ PER IL 2019

     LA CARTA DEL DOCENTE: NOVITA’ PER IL 2019

A partire dal 4 gennaio 2019 è di nuovo possibile accedere al portale  http://cartadeldocente.istruzione.it per utilizzare le somme a disposizione della carta docente con la precisazione che gli importi  residui relativi all’anno scolastico 2016/17, non utilizzati entro il 31/12/2018, sono stati decurtati.

Il valore della carta, infatti , per l’anno 2019 , non può superare la somma complessiva di € 1000, corrispondenti alle somme residue, qualora non spese, per l’anno scolastico 2017/2018 e per l’anno scolastico 2018/2019.

Le somme relative all’anno 2017/2018 andranno spese entro il 31 agosto 2019.

Non occorre alcuna rendicontazione in segreteria poiché il controllo è automatico da parte del gestore.

ll bonus docenti 2018-2019 è un beneficio economico riservato in via esclusiva ai titolari di una cattedra in una scuola pubblica di ogni ordine e grado. Restano esclusi quindi sia gli insegnanti delle scuole private che i precari. Non hanno diritto al bonus docenti i neoassunti FIT che, sul piano giuridico ed economico, sono equiparati ai supplenti. Sono compresi invece tra i beneficiari del bonus docenti, invece i diplomati magistrale assunti con riserva.

Rimane confermata la disciplina contenuta nel DPCM/2016 (art.3)per le modalità di assegnazione ed utilizzo della carta con particolare riferimento all’elenco dei beni e servizi che si possono acquistare:

•    Libri e testi, anche in formato digitale, pubblicazioni e riviste utili all’aggiornamento professionale:

•    Iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali svolti da Enti accreditati Miur;

•    Harware e software;

•    Iscrizione a corsi di laurea , di laurea magistrale o a ciclo unico;

•    Titoli di accesso per rappresentazioni teatrali e cinematografiche;

•    Titoli per l’ingresso a Musei , mostr ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;

•    Iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano Nazionale di formazione

  • Condividi
Read more

PENSIONANDI ULTIME NOTIZIE QUOTA 100

Secondo le ultime notizie trapelate dal Sole 24 Ore e Italia Oggi, il personale docente e ATA, il cui pensionamento è legato al termine dell’anno scolastico, è posto in una posizione di svantaggio rispetto agli altri dipendenti pubblici e privati.

L’avvio di “quota 100” e la proroga di “opzione donna”, di cui con esattezza non si conoscono i requisiti definitivi, prevedono che coloro che hanno maturato i requisiti entro il 31/12 possano presentare domanda entro il 31.03.2019 e andare in pensione a settembre 2019. Coloro che invece matureranno i requisiti dopo tale data, e che avranno il diritto riconosciuto dopo l'1 settembre, potranno accedere alla pensione da settembre 2020.

Si è palesata la possibilità per gli insegnanti, nel caso di pensionamento un anno dopo, di essere spostati su servizio amministrativo per consentire alla scuola la sostituzione in classe e la continuità didattica.

Per coloro che usufruiranno del pensionamento con quota 100 è previsto il divieto di cumulo della pensione con altri redditi da lavoro. Il divieto ha un tetto di 5mila euro e vale per gli anni di anticipo pensionistico utilizzati e si azzererà al raggiungimento dei 67 anni.

La tempistica del pagamento della buonuscita per il personale della scuola, che cessa dal servizio anticipatamente per raggiunti limiti di servizio (pensione anticipata), viene attualmente liquidata dopo due anni dal pensionamento e anche a rate: in un unico importo se pari o inferiore a 50.000 euro; in due importi annui se l’ammontare è compreso tra 50.000 e  100.000 euro; in tre importi annuali se superiore a 100.000.

Tra le tante ipotesi emerse in questi giorni al fine di incentivare il pensionamento anticipato con quota 100 (62 anni di età e 38 di contribuzione), c'è la possibilità per il personale scolastico che opti per tale ipotesi di pensionamento di usufruire anticipatamente di una quota dell’indennità di buonuscita mediante un prestito bancario a costo zero per l’interessato.

Restiamo, speranzosi, in attesa del testo definitivo.

  • Condividi
Read more

PENSIONAMENTI 2019 PERSONALE SCOLASTICO

Il Miur, ha emesso il decreto e la circolare relativi alla cessazione del personale scolastico dall’1.09.2019.

La data di scadenza della presentazione della domanda è fissata al 12 dicembre p.v. per idocenti ed il personale ATA ed al 28.02.2019 per i dirigenti scolastici.

  • Condividi
Read more

ORARI DEL CAF BOLOGNA

Gli operatori del CAF dello SNALS di Bologna, ricevono il pubblico nelle giornate di lunedì e giovedì pomeriggio dalle 15.30 alle 18.30, nelle altre giornate solo su appuntamente, chiamando lo 051 366065

  • Condividi
Read more

Ricorso per chiedere il rimborso sulle trattenute del TFR illegittime (2,5%)

L’Ufficio Legale Snals-Confsal,  propone dinanzi al Giudice del Lavoro la seguente azione n. 21/2018: ricorso per chiedere il rimborso sulle trattenute del Tfr illegittime (2,5%), nello specifico riguarda il personale assunto a partire dal 01.01.2001.

 Per informazioni contattare la Segreteria Provinciale di Bologna al numero 051 366065, negli orari di apertura al pubblico.

       

 

  • Condividi
Read more

Inizio anno scolastico

Lo Snals-Confsal rivolge a tutti i più sinceri auguri di buon lavoro per un nuovo anno scolastico sereno e fruttuoso

  • Condividi
Read more

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie secondaria di I grado a.s. 2018/19

http://bo.istruzioneer.gov.it/2018/08/21/utilizzazioni-e-assegnazioni-provvisorie-secondaria-di-i-grado-a-s-2018-19/

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali e interprovinciali del personale docente della scuola secondaria di I grado per l’a.s. 2018/19 – Note prot. n. 10808 e 10809 del 21/08/2018 aventi ad oggetto le graduatorie DEFINITIVE degli aventi titolo, nonché gli elenchi degli esclusi.

  • Condividi
Read more

Utilizzazioni Assegnazioni provvisorie II Grado – Graduatorie definitive a.s. 2018/19

http://bo.istruzioneer.gov.it/2018/08/21/utilizzazioni-assegnazioni-provvisorie-graduatorie-definitive-a-s-2018-19/

Nota prot. n.10742 del 20/08/2018 relativa alle graduatorie ed elenchi definitivi dei docenti aspiranti alle utilizzazioni presso il liceo musicale, assegnazioni provvisorie e utilizzazioni, provinciali e interprovinciali per la scuola secondaria di II grado dell’Ambito territoriale di Bologna per l’anno scolastico a.s. 2018/19.

  • Condividi
Read more

Contingente per le assunzioni a T.I. e disponibilità scuola sec. I e II grado

http://bo.istruzioneer.gov.it/2018/08/10/contingente-per-le-assunzioni-a-t-i-e-disponibilita-scuola-sec-i-e-ii-grado/

Nota prot.n. 10636 del 10/08/2018. Contingente per le assunzioni a tempo indeterminato del personale docente della scuola secondaria di I e II grado. Prospetto delle disponibilità ai fini delle operazioni di conferimento degli incarichi scuola secondaria di I e II grado. A.s. 2018/19.

  • Condividi
Read more

OPERAZIONI DI NOMINA IN RUOLO – SCUOLA PRIMARIA E INFANZIA A.S. 2018/19

http://istruzioneer.gov.it/2018/08/08/operazioni-di-nomina-in-ruolo-scuola-primaria-e-infanzia-a-s-2018-19/

Pubblicati dall'USR  i risultati delle operazioni di individuazione dell’ambito territoriale ai fini del conferimento di contratti a tempo indeterminato –  personale docente della scuola primaria – posto comune e della scuola dell’infanzia –  posto comune;  a.s. 2018/19.

  • Condividi
Read more

RICORSO CONCORSO DS 2018 AVVERSO IL MANCATO SUPERAMENTO PROVE PRESELETTIVE

Le prove preselettive del Concorso per il reclutamento dei Dirigenti Scolastici 2018 sono caratterizzate da elementi di criticità ed illegittimità circa lo svolgimento delle stesse che si sono, poi, concluse con evidenti problematiche inerenti i docenti ammessi alle prove scritte.

Infatti, il MIUR non ha considerato come ammesso alle prove successive del concorso chi ha raggiunto la sufficienza (60 punti/100) nelle prove preselettive, corrispondente a 6/10 ai sensi della normativa vigente nonostante precedenti pronunce giurisprudenziali che ammettevano i ricorrenti che si trovavano nella medesima situazione.

La decisione del Ministero è gravemente lesiva dei principi anche di rango costituzionale che tutelano e prescrivono la più partecipazione ai concorsi pubblici per poter così individuare i concorrenti migliori e più meritevoli.

Il ricorso al T.A.R., in considerazione delle numerose illegittimità riscontrate, è diretto ad ottenere l’ammissione con riserva alle prove scritte che si terranno a partire dal mese di settembre/ottobre 2018.

Possono aderire al presente ricorso, tutti coloro che:

  • abbiano conseguito la valutazione di almeno 60 punti alla prova preselettiva.

Per partecipare al ricorso va inviata una mail al seguente indirizzo:

consulenza@snalsbologna.it

Richiedendo la documentazione per la partecipazione al ricorso avverso l’esclusione dalle prove concorsuali per Dirigente Scolastico.

Le adesioni dovranno pervenire allo scrivente sindacato entro la data del 15 settembre 2018.

  • Condividi
Read more

OPERAZIONI DI IMMISSIONE IN RUOLO DOCENTI INFANZIA E PRIMARIA A. S. 2018-2019

http://istruzioneer.gov.it/2018/07/27/operazioni-di-immissione-in-ruolo-del-personale-docente-a-s-2018-2019/

 I candidati inseriti nella graduatoria di merito della scuola primaria dalla posizione n. 513 ed i candidati inseriti nella graduatoria di merito della scuola dell’infanzia dalla posizione n. 203 dovranno inviare all’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna, via mail con unico invio ad entrambi gli indirizzi drer.ufficio1@istruzione.it e direzioneemiliaromagna@istruzione.it elenco con l’indicazione di tutti e 22 gli ambiti territoriali in ordine di preferenza, corredato da copia di un documento di identità in corso di validità del richiedente, utilizzando il modello allegato .

 

  • Condividi
Read more

Pubblicazione graduatorie provvisorie di Circolo e di Istituto III fascia ATA

Si informa che il giorno mercoledì 25 luglio p.v. sono state pubblicate sui siti delle Istituzioni scolastiche le graduatorie provvisorie di circolo e di istituto III fascia ATA di cui al D.M. 640 del 30/08/2017.

Entro 10 giorni dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria è ammesso reclamo al Dirigente Scolastico della istituzione scolastica che gestisce la domanda di inserimento, ai sensi dell’art. 9 del D. M. n. 640/2017.

Gli aspiranti potranno visualizzare sul sito del MIUR Istanze On Line, per ciascun profilo per il quale sia stato richiesto l’inserimento in graduatoria, il punteggio attribuito dall’Istituzione Scolastica che ha gestito la domanda e la posizione in graduatoria per tutte le scuole richieste attraverso il modello D3.

  • Condividi
Read more

CCNI UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE PERSONALE ATA A.S. 2018-2019

Il MIUR ha inviato la nota prot. 31552 del 09-07-2018 relativamente alle domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria del personale ATA per l’a.s. 2018-2019 che possono essere presentate dal 23 luglio al 3 agosto 2018, tramite il modello UN, in modalità cartacea.

Nella nota viene comunicato che, relativamente al personale ATA, l’Ipotesi di CCNI Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie sottoscritto il 28/6 scorso (che è in attesa della certificazione prevista ai sensi dell’art. 40bis del D.lgs. 165/2001), non presenta modifiche sostanziali, ad eccezione di quanto previsto all’art. 17, comma1:

-    possibilità di richiedere l’assegnazione provvisoria per il ricongiungimento, oltre che per il coniuge o parte dell'unione civile o convivente, anche per parenti o affini, purché la stabilità della convivenza risulti da apposita certificazione anagrafica.

-    ammissione dell’istanza di ricongiungimento al genitore, senza richiedere l’ulteriore requisito della convivenza.

  • Condividi
Read more

CCNI UTILIZZAZIONI ED ASSEGNAZIONI PROVVISORIE

E’ arrivato il nuovo CCNI sulle utilizzazioni e sulle assegnazioni provvisorie, per l'a.s. 2018/19. Rispetto a quello dello scorso anno, prevede alcune novità che lo SNALS CONFSAL aveva rivendicato già in passato ed ora, finalmente, si sono concretizzate.

Intanto diciamo che le operazioni di assunzione in ruolo, effettuate sulla base della L. 107/15, hanno creato una notevole mobilità di Docenti, soprattutto, come sempre avviene, da Sud a Nord. Il che vuol dire che Colleghi i quali assistevano o convivevano con i genitori sono stati costretti ad accettare un posto di lavoro stabile molto distante da casa. E’ implicito che, a questo punto, il requisito della convivenza effettiva è venuto meno. Questo fatto non può essere ulteriormente aggravato dall’impossibilità di assegnazione provvisoria, mancando il requisito della convivenza. L’aver cancellato dall’Art. 7, comma 1, del CCNI questa richiesta è quanto lo SNALS chiedeva, inascoltato, l’anno scorso e, per fortuna, quest’anno è stata soddisfatta.

Un altro punto positivo, anch’esso fortemente richiesto l’anno scorso dallo SNALS, è quello in base al quale, sui posti di sostegno residuati dopo le operazioni relative ai Docenti con titolo e dopo l’accantonamento dei posti necessari per i supplenti con titolo, possono essere assegnati docenti anche senza titolo, sia pure a determinate condizioni.

Le condizioni sono:

  • Essere in procinto di concludere il percorso di specializzazione sul sostegno,
  • Aver prestato, nel corso della carriera, almeno un anno di servizio su sostegno (evidentemente senza titolo).

Il Miur ha emanato in data odierna una nota che non è ancora la consueta O.M. però contiene le date di apertura delle linee per l’inoltro delle domande.

In allegato:

  • CCNI utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie
  • Nota MIUR 30691 del 4.7.2018
  • Condividi
Read more

LO SNALS CHIEDE UNA SOLUZIONE POLITICA PER LE PROBLEMATICHE DEI DIPLOMATI MAGISTRALI ANTE 2001/02, DEI LAUREATI IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA E DI TUTTI COLORO INSERITI A PIENO TITOLO IN GAE

Roma, 4 luglio 2018 - Da un comunicato stampa del MIUR si apprende che nell’ambito del “Decreto Dignità” sarebbe inserita una norma tendente a rinviare di quattro mesi gli effetti delle sentenze di merito in materia. Questa soluzione porterebbe a mantenere in ruolo o in GAE gli interessati confermando eventualmente le supplenze annuali dal mese di settembre. Evidentemente il problema si porrà alla scadenza dei quattro mesi anche se circolano ipotesi di ulteriori deroghe.

Lo SNALS-CONFSAL ritiene inaccettabile il metodo e cioè che la materia non sia stata oggetto di confronto con le organizzazioni sindacali e assolutamente inadeguata l’ipotesi prospettata tendente a prendere tempo e a differire la soluzione di un grave problema che ormai si trascina da molto tempo tra illusioni e speranze deluse, anche in riferimento a tre pronunciamenti favorevoli del Consiglio di Stato smentiti successivamente dalle sezioni riunite in seduta plenaria.

La situazione già caotica rischia di aggravarsi ulteriormente perché i 120 giorni per ottemperare alle sentenze del TAR avranno decorrenze diverse a seconda delle date dei provvedimenti giurisdizionali.

Abbiamo notizie che nelle Marche l’Ufficio Scolastico Regionale ha dato disposizioni fin dal 5 giugno di depennare dalle GAE i diplomati magistrali in applicazione delle sentenze di merito.

Sulle problematiche del presente comunicato lo SNALS CONFSAL ha già chiesto un incontro al Ministro dell’Istruzione e della Ricerca e alle Commissioni Parlamentari competenti nell’intento di trovare una soluzione politica tale da poter contemperare le aspettative dei diplomati non prevaricando i legittimi diritti dei laureati in scienze della Formazione Primaria e di coloro già inseriti a pieno titolo nelle graduatorie permanenti.

Ecco perché chiediamo una soluzione politica del problema.

  • Condividi
Read more

ORARIO ESTIVO UFFICIO SNALS BOLOGNA

APERTURA UFFICIO –ORARIO ESTIVO

Anno scolastico 2017-2018

 Dal 18/06/2018 al      27/08/2018 saremo aperti al pubblico nei seguenti giorni:

  • MERCOLEDI’ ore 15,30  - 18,00
  • GIOVEDI’        ore 15,30  - 18,00

CHIUSURA TOTALE DAL 16 AL 20 AGOSTO 2018

LA SEDE DI IMOLA SARA’ CHIUSA PER TUTTO IL MESE DI AGOSTO.

Durante il periodo estivo siamo comunque a vostra disposizione per urgenze: inviate una e-mail  in cui indicherete il vostro numero di cellulare a consulenza@snalsbologna.it   o lasciate un messaggio in segreteria telefonica,  verrete richiamati e vi sarà fissato un appuntamento, compatibilmente alle esigenze dell’ufficio, anche negli altri giorni della settimana.

Segreteria Snals Bologna

                                                              

  • Condividi
Read more

Ricorsi al Capo dello Stato per partecipare al concorso in forma riservata

Avverso il concorso pubblicato sulla G.U. n. 14 del 16.02.2018 l’ufficio legale SNALS (concorso in forma semplificata) propone al momento le seguenti azioni:

  1. Azione n. 1 bis/2018 concorso in forma semplificata riguardante gli ITP;
  2. Azione n. 3 bis /2018 concorso in forma semplificata riguardante i docenti abilitati all’estero;
  3. Azione n. 4 bis/2018 concorso in forma semplificata riguardante i dottorandi di ricerca;
  4. Azione n. 5 bis/2018 concorso in forma semplificata riguardante i docenti AFAM;
  5. Azione n. 6 bis/2018 concorso in forma semplificata riguardante i docenti ISEF.
  • Condividi
Read more

Posti di sostegno: dotazioni organiche per le scuole a.s. 2018/19

Il link della tabella riassuntiva dei 1200 posti per il sostegno assegnati per 3.762 alunni disabili, alle scuole dell’Infanzia (63 posti), alle scuole Primarie (440 posti), alle scuole Secondarie di primo grado (321 posti), alle scuole Secondarie di secondo grado (376 posti), nonché dell’attribuzione dei 116 posti di potenziamento (Primaria 46 posti, Secondaria di primo grado 28 posti, Secondaria di secondo grado 42 posti).

http://bo.istruzioneer.gov.it/wp-content/uploads/sites/3/2018/05/organico-di-sostegno.0005543.14-05-2018.pdf

  • Condividi
Read more

MOBILITA’ DEL PERSONALE ATA PER L’A.S. 2018/19 - DOMANDE dal 23 aprile al 14 maggio 2018.

La mobilità del personale  Ata (amministrativo, tecnico e ausiliario) della scuola per l’anno scolastico 2018/19 è regolata dal CCNI 2018/19 e dall’ OM 207 del 9/3/2018.

Periodo in cui è possibile presentare domanda di mobilità: dal 23 aprile al 14 maggio 2018.

Termine ultimo per la comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili: 22 giugno 2018.

Pubblicazione dei movimenti: 16 luglio 2018.

Per tutto il personale che intende presentare domanda di trasferimento e/o domanda di passaggio di profilo è obbligatoria la procedura on-line.

  • Condividi
Read more

SOGGIORNI ESTIVI ex ENAM

L'INPS ha emanato il bando per i soggiorno estivi nelle case ex ENAM.

Possono partecipare le seguenti categorie di personale:

Docenti a tempo indeterminato della scuola dell'infanzia,

Docenti a tempo indeterminato della scuola primaria,

Dirigenti scolastici provenienti dal ruolo dei Direttori didattici,

Docenti di I.R.C. Assunti nei ruoli della scuola primaria o dell'infanzia,

Direttori dei Servizi Generai ed Amministrativi ex L. 1213/1967.

L'iscrizione all'ENAM va verificata in base al fatto che sia operante la ritenuta, evidenziata sul cedolino dello stipendio.

Va altresì precisato che le suddette categorie, al momento del pensionamento, mantengono i benefici anche se la ritenuta non viene più operata sulla pensione.

In sostanza: sono iscritti e godono dei benefici senza più avere ritenute, come è sempre stato anche quando l'ENAM era un Ente autonomo.

Possono beneficiare dei soggiorni climatici altresì i parenti entro il II grado, i vedovi e gli orfani degli iscritti purché minorenni all'atto della scadenza del bando, insieme all'altro genitore o al tutore.

Le case apriranno il 23 giugno 2018 e chiuderanno il 1° settembre 2018.

PRESENTAZIONE DOMANDE: dal 9 Aprile alle ore 12 del 27 Aprile.

 

  • Condividi
Read more

CORTE DI APPELLO DI BOLOGNA Sentenza n. 1035/2017 pubbl. il 11/10/2017 RG n. 648/2012 – LETTERE RECUPERO RISARCIMENTO

Successivamente alle comunicazioni rispettivamente a mezzo e-mail e sul sito internet dello SNALS (http://www.snalsbologna.it/archive.php) di Bologna, all’incontro del 21.02.2018 presso la segreteria provinciale dello SNALS e per le vie brevi (di persona e telefono),  giorno 11.04.2018 scadono i termini per produrre ricorso in cassazione  avverso la sentenza numero  n. 1035/2017  relativa al ricorso r.g.n. 648/2012 successivamente alla quale l’AMBITO TERRITORIALE DI BOLOGNA (EX PROVVEDITORATO) ha inviato comunicazione di avvio del recupero di quanto pagato nel rispetto della sentenza del TRIBUNALE DI BOLOGNA N. 644/2012.

Ferme restando le indicazioni circa la complessità del ricorso in cassazione e i suoi possibili esiti, invitiamo chi è interessato/a a proseguire nel giudizio in Cassazione a darci un riscontro entro e non oltre il 23 marzo 2018.

L’avvocato di riferimento dello Snals di Roma si è detto disponibile a patrocinare il detto ricorso e, conseguentemente, chi è interessato a proseguire, è invitato a contattarci affinché si possa provvedere a convocare in tempi rapidi una riunione.

  • Condividi
Read more

Proroga del termine finale per la presentazione delle domande di partecipazione al concorso docenti di cui all’art.17 comma 2 lettera b decreto legislativo 59/2017.

A causa dell’elevata concentrazione delle domande di partecipazione al concorso in prossimità della scadenza del termine finale, si rende noto che l’originario

termine di chiusura delle istanze(22 marzo ore 23.59) è prorogato alle ore 14 del 26 marzo.

  • Condividi
Read more

Azioni n. 1, 2, 3, 4 e 5 del 2018 – ricorso al TAR per partecipare al concorso in forma semplificata

Avverso il concorso pubblicato sulla G.U. n. 14 del 16.02.2018 l’ufficio legale SNALS (concorso in forma semplificata) propone al momento le seguenti azioni:

  1. Azione n. 1/2018 concorso in forma semplificata riguardante gli ITP;
  2. Azione n. 2/2018 concorso in forma semplificata  riguardante i laureati non abilitati;
  3. Azione n. 3/2018 concorso in forma semplificata riguardante i docenti abilitati all’estero dopo il 31.05.2017;
  4. Azione n. 4/2018 concorso in forma semplificata riguardante i dottorandi di ricerca;
  5. Azione n. 5/2018 concorso in forma semplificata riguardante i docenti AFAM.

      Per il ricorso è necessario che gli interessati contattino la segreteria Snals di Bologna nei giorni di apertura al pubblico.

        Vi facciamo presente che in merito alle azioni n. 4 e n. 5 ci sono stati già provvedimenti negativi del Consiglio di Stato.

SNALS  CONFSAL

 

 

  • Condividi
Read more

AGGRESSIONI AI DOCENTI: LA SOLIDARIETA’ DELLO SNALS-CONFSAL

La scuola merita rispetto, non può essere una trincea. Serve un progetto scuola per il futuro del Paese.

Sono in continuo aumento i casi di aggressioni fisiche e verbali ai danni dei docenti da parte di alunni e genitori nelle aule scolastiche e la situazione sta veramente sfuggendo ad ogni controllo.

Gli episodi accaduti di aggressione ai docenti sono stati una reazione a un semplice rimprovero o a un brutto voto.

Scuola e famiglia che, in un virtuoso patto educativo, dovrebbero collaborare per la crescita armonica dei giovani, affinché diventino individui responsabili e consapevoli, sono ormai in pieno conflitto.

I genitori delegano completamente la funzione educativa alla scuola, per additarla, poi, come l’unica responsabile degli insuccessi scolastici e dei comportamenti scorretti dei figli. Si ergono a loro paladini portando gli insegnanti nelle aule di un tribunale, o aggredendoli verbalmente e fisicamente.

Gli insegnanti, da parte loro, non riescono più a svolgere con serenità la loro funzione, intimoriti dall’aggressività di studenti e famiglie, oberati, oltretutto, da crescenti carichi di lavoro e da nuove responsabilità che spesso esulano dall’insegnamento, e anche oggetto di una campagna di denigrazione diffusa dai media e veicolata dalla politica.

Quella politica che ha fatto perdere progressivamente credito sociale al corpo docente italiano che ha gli stipendi peggiori di tutta Europa e che con l’ultimo contratto di lavoro, che lo Snals-Confsal si è giustamente rifiutato di firmare, percepirà   aumenti economici che possono essere considerati poco più che mance, anche in considerazione del fatto che gli stipendi sono fermi da ben nove anni.

La scuola pubblica non è mai stata considerata da parte della classe politica dell'ultimo ventennio come un fattore di sviluppo strategico per la crescita sociale ed economica del nostro Paese. Dunque, anche il corpo decente non è  ritenuto utile allo sviluppo del Paese e, di conseguenza, le risorse destinate alla scuola sono sempre irrisorie.

E così la figura del docente, oltre a perdere autorevolezza nei confronti degli alunni, perde il rispetto sociale.

La scuola non può sostituirsi alla famiglia, che, quale nucleo sociale  primario, ha i suoi compiti e le sue responsabilità e deve collaborare con essa nell’educazione dei figli. La scuola è il luogo per eccellenza della trasmissione dei saperi e della formazione delle nuove generazioni e va rispettata e salvaguardata perché svolge una fondamentale funzione istituzionale riconosciuta dalla Costituzione.  Non può essere una trincea e i docenti e il personale ATA non possono entrare negli Istituti preoccupati per la propria incolumità.

In realtà manca completamente un progetto scuola che specifichi in maniera chiara ed inequivocabile compiti e funzioni in rapporto a quello che sarà il futuro del Paese.

Lo Snals-Confsal assicura che continuerà a battersi nelle sedi istituzionali e politiche perché si intervenga al più presto per arginare l’allarmante fenomeno con le misure più opportune e perché la scuola venga posta al centro delle priorità nell’agenda del prossimo Governo.

A riguardo, lo Snals-Confsal ha recentemente avviato una petizione alle forze politiche per coinvolgere tutti i cittadini italiani sull’importanza di questo fondamentale settore della vita pubblica che non si può continuare a screditare o ad ignorare.

 

Il Segretario Generale

Elvira Serafini

 

 

  • Condividi
Read more

RICORSO IN APPELLO –SENTENZA N. 1035/2017 – LETTERE RECUPERO U.S.R. EMILIA ROMAGNA - a. t. di bologna.

Si avvisano tutti i ricorrenti che hanno ricevuto dall’Ambito Territoriale di Bologna avviso di recupero in relazione alla sentenza in oggetto che la Segreteria Provinciale ha fissato per il prossimo 21 febbraio 2018, alle ore 16,30, un incontro presso la sede di Via Bigari 137/2, Bologna. Invitiamo tutti i resistenti in appello a partecipare.

  • Condividi
Read more

CONTRATTO-DIREZIONE NAZIONALE – RIPORTIAMO IL COMUNICATO DIRAMATO AL TERMINE DEI LAVORI

La Direzione Nazionale dello Snals Confsal che si è riunita a Roma ha confermato all'unanimità l'orientamento del sindacato a non firmare il contratto per il personale della scuola.

“La Direzione Nazionale-ha dichiarato il segretario generale Elvira Serafini- ha confermato all'unanimità la posizione assunta dallo Snals Confsal di considerare irricevibili le proposte portate al tavolo negoziale dell'Aran. Per la parte normativa-ha continuato Serafini- ci troviamo di fronte a proposte nettamente peggiorative rispetto al precedente contratto e per la parte economica mancano risorse aggiuntive che possano consentire di avviare un serio riconoscimento del lavoro svolto”.

“La nostra-ha proseguito Serafini- è una scelta rispettosa della volontà, ma anche della dignità del personale che rappresentiamo. E verificato il grande successo nelle scuole della Petizione da noi lanciata-ha concluso Serafini- i componenti della Direzione si sono impegnati all’unanimità a sollecitare tutti i leader nazionali di tutte le forze politiche perché inseriscano nel loro programma di governo i sette punti della Petizione”.

  • Condividi
Read more

INFORMATIVA D.M. 995/17 – BANDO CONCORSO ABILITATI- domande dal 20.02.18 al 22.03.18

INFORMATIVA D.M. 995/17 – BANDO CONCORSO ABILITATI

L'Amministrazione ha illustrato il Decreto propedeutico al bando di concorso sopra indicato.

Le novità rilevanti:

-    la possibilità di partecipazione anche per il personale già a tempo indeterminato a seguito sentenza Corte Costituzionale 8.11.17.

-    la possibilità di partecipazione partecipare al concorso, con riserva, per coloro che hanno conseguito il titolo abilitante o la specializzazione sul sostegno all'estero.

Nello specifico i requisiti di ammissione previsti sono:

1.  Sono ammessi a partecipare alle procedure i candidati in possesso del titolo di abilitazione all'insegnamento in una o più classi di concorso della scuola secondaria di primo o di secondo grado, o, per i soli posti di sostegno, che aggiungano al titolo abilitante la specializzazione per il sostegno per i medesimi gradi di istruzione, conseguito entro il 31 maggio 2017. I candidati che chiedono di partecipare alle procedure concorsuali per la classe di concorso A23 (Italiano L2) devono possedere i titoli di specializzazione previsti dal decreto del Ministro n. 92 del 23 febbraio 2016. Al fine di determinare a quali procedure, distinte per classe di concorso e tipologie di posto, possa partecipare ciascun candidato, si applica l'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 14 gennaio 2016, n. 19, così come modificato dal decreto del Ministro 9 maggio 2017, n 259.

2. Gli insegnanti tecnico-pratici possono partecipare al concorso per posti comuni purché siano iscritti nelle graduatorie ad esaurimento oppure nella seconda fascia di quelle di istituto, alla data del 31 maggio 2017. Possono altresì partecipare al concorso per posti di sostegno purché, in aggiunta, siano specializzati sul sostegno;

3. Sono ammessi con riserva alla procedura concorsuale per posti di sostegno i docenti abilitati che conseguano il relativo titolo di specializzazione entro il 30 giugno 2018, nell'ambito di percorsi avviati entro il 31 maggio 2017, ivi compresi quelli disciplinati dal Decreto del Ministro 10 marzo 2017, n. 141.

4. Sono altresì ammessi con riserva coloro che, avendo conseguito il titolo abilitante o la specializzazione sul sostegno all'estero entro il 31 maggio 2017 abbiano comunque presentato la relativa domanda di riconoscimento alla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, entro la data termine per la presentazione delle istanze per la partecipazione alla procedura concorsuale.

5. Qualora i requisiti di partecipazione siano posseduti per effetto di provvedimenti giudiziari non definitivi, i candidati partecipano con riserva alle procedure concorsuali e i relativi diritti si perfezionano in esito ai provvedimenti giudiziari definitivi.

Gli ulteriori requisiti generali di ammissione al concorso sono disciplinati dai bandi.

Naturalmente i candidati sono ammessi al concorso con riserva di accertamento del possesso dei requisiti di ammissione.

In caso di carenza degli stessi, l'USR dispone l'esclusione immediata dei candidati, in qualsiasi momento della procedura concorsuale.

Le domande verranno presentate tramite sistema informativo dalle ore 9:00 del 20/2/18 alle ore 23:59 del 22/3/18.

Il bando sarà presumibilmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale nella giornata di domani.

 

 

 

 

  • Condividi
Read more

ARAN/RINNOVO DEL CONTRATTO: SNALS-CONFSAL BOCCIA L’ULTIMA BOZZA DI ARTICOLATO

     ARAN/RINNOVO DEL CONTRATTO: SNALS-CONFSAL BOCCIA L’ULTIMA BOZZA DI ARTICOLATO

Il rinnovo del contratto di lavoro è in una fase di stallo e lo Snals-Confsal ha bocciato l’ultima bozza di articolato presentata dall’Aran nel corso del negoziato, che, nonostante qualche apertura, è distante dalle sue posizioni. Dopo diversi incontri deludenti, vuoi per la metodologia vuoi per i contenuti presentati dall’Aran alle organizzazioni sindacali, lo Snals puntualizza la propria posizione.

“La partita si fa complessa – ha dichiarato Serafini - non solo sul piano economico, dove il governo vuole applicare al Comparto lo schema economico elaborato per gli statali, ma anche su quello normativo, considerate le novità dell’ultima bozza di articolato: vincolo triennale della mobilità; più potere ai dirigenti scolastici sulle sanzioni disciplinari; criteri per l’organizzazione del lavoro (assegnazione del personale alle classi e ai plessi, articolazione dell’orario, ecc.) non inseriti nella contrattazione”.

E ha proseguito affermando che tutti i lavoratori , docenti, dirigenti e personale Ata, di tutto il comparto, meritano attenzioni particolari sia dal punto di vista della normativa e non solo sul piano economico. Lo Snals-Confsal ha sempre praticato l’autonomia e la libertà e non ha mai avuto posizioni preconcette, ma che su questo punto non intende fare sconti perché è in gioco il riconoscimento del nostro lavoro e il futuro delle nostre generazioni”.

Serafini ha aggiunto: “Per realizzare un buon contratto è necessario, innanzitutto, eliminare la conflittualità tra le norme di legge e quelle di natura contrattuale e assicurare la valorizzazione di tutte le professionalità che operano nel Comparto, a cominciare dalla rivalutazione economica delle retribuzioni con risorse aggiuntive, dirottando le risorse della legge 107/2015 nello stipendio tabellare”, dove sarebbe opportuno una modifica di legge.

Il segretario Snals ha concluso: “Invece che passi in avanti ci sembra che se ne stia facendo qualcuno indietro. Non firmeremo un contratto umiliante per la scuola, lo ribadiamo. Né possiamo accettare che al tavolo negoziale venga umiliata la propositività del sindacato, quasi fosse un ostacolo al fatto di rinchiudere definitivamente il personale della scuola dentro una rete burocratica asfittica e verticistica. Ricordiamo ai nostri governanti che la scuola non è un ufficio pubblico qualsiasi e non distribuisce servizi. E’ un’istituzione: noi non lo abbiamo dimenticato”.

 

 

  • Condividi
Read more

SNALS-CONFSAL LANCIA PETIZIONE ALLE FORZE POLITICHE ITALIANE. LA SCUOLA PUBBLICA SIA AL CENTRO DEI PROGRAMMI ELETTORALI – COMUNICATO STAMPA

Comunicato Stampa

SNALS-CONFSAL LANCIA PETIZIONE ALLE FORZE POLITICHE ITALIANE

La scuola pubblica sia al centro dei programmi elettorali

“I partiti indichino misure e risorse. Di questo impegno risponderanno agli elettori”

Roma, 19 gennaio. Viene lanciata oggi la petizione dello Snals-Confsal che coinvolge il mondo della scuola, le famiglie e tutti i cittadini al di là di ogni appartenenza partitica o associativa.

Con questa petizione lo Snals impegna i partiti a indicare chiaramente nei propri programmi elettorali misure e risorse per la scuola. Il sindacato fornirà una costante informazione sulle risposte, invitando a votare chi si impegnerà più chiaramente. Saranno i cittadini, negli anni seguenti, a decidere nel segreto dell’urna se i politici eletti e i loro partiti abbiano onorato o no la promessa.

Numerose le motivazioni dell’iniziativa, perché da più di due anni la scuola sta vivendo sulla propria pelle le conseguenze della L. 107 (la cosiddetta Buona Scuola) che l’ha portata a trasformarsi da palestra di istruzione e di intelligenza a luogo di trasmissione di direttive governative e gestione di potere arbitrario. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: la funzione docente umiliata, la collegialità retrocessa, il diritto alla titolarità eliminato con compromissione della continuità didattica, mentre permangono le classi pollaio e i problemi della sicurezza, cui non ha certo giovato il progressivo taglio degli organici ATA.

Ancora più grave è la totale rimozione di ciò che costituisce il cuore della scuola: la centralità del processo d’insegnamento e la sua libertà, la qualità didattica, la serietà degli studi, perché l’istruzione è un diritto ma studiare è un dovere, il giusto riconoscimento, economico e sociale, dei lavoratori del settore. In realtà, oggi la scuola è meno libera, più farraginosa e anche più classista.

Questi i 7 obiettivi programmatici della petizione promossa dallo Snals:

1)       La quantificazione di risorse economiche certificate ai fini del finanziamento di un Piano quinquennale di investimenti che porti nel giro di 5 anni a un progressivo innalzamento della quota di Pil destinata alla scuola così da posizionarla ai livelli degli altri paese Ue.

2)       La messa in sicurezza di tutti gli edifici scolastici.

3)       La persona al centro delle politiche e il riconoscimento del diritto alle pari opportunità formative.

4)       L’abrogazione della L. 107/2015 e la rielaborazione di una riforma condivisa.

5)       Lo stop alle classi pollaio.

6)       Lo stop definitivo all’innalzamento dell’età pensionabile.

7)       La valorizzazione del personale scolastico, il recupero del suo ruolo sociale, la tutela della libertà d’insegnamento.

 

  • Condividi
Read more

SCUOLA: LO SNALS-CONFSAL NON FIRMERA' UN CONTRATTO AL RIBASSO

Comunicato stampa

SCUOLA/LO SNALS-CONFSAL NON FIRMERA' UN CONTRATTO AL RIBASSO

Roma, 11 gennaio. Nell'incontro di oggi all'Aran sulla scuola il presidente Gasparrini, dopo aver presentato un articolato solo sulla parte normativa - tra l'altro peggiorativo delle attuali norme -, ha fatto alle organizzazioni sindacali un annuncio che ha destato perplessità, proponendo di discutere un testo in assenza di un atto d'indirizzo definitivo. Un testo che pertanto risulta "non coerente".

Lo Snals-Confsal ha dichiarato impossibile valutare in soli 30 minuti un testo così ampiamente modificato.

In ogni caso, per lo Snals non c'è ancora chiarezza nel testo tra le norme pattizie e le norme di legge. Pertanto ha chiesto la stesura di un nuovo testo unico facile da comprendere e da applicare.

La delegazione Snals ha dichiarato "Non accetteremo nessun arretramento sul piano giuridico dei diritti dei lavoratori, così come non abbiamo nessun interesse a firmare un contratto se non sarà un buon contratto".

In definitiva, lo Snals - su mandato dal recente congresso nazionale, ribadito ieri dal consiglio nazionale - ritiene indispensabile che vengano stabilite corrette relazioni sindacali e che il governo trovi "vere" risorse economiche, essendo insufficienti anche le cifre della legge 107 per bonus e formazione.

  • Condividi
Read more

COMUNICATO PLENARIA MAGISTRALE

 COMUNICATO PLENARIA MAGISTRALE

L'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato ha modificato l'esito di parecchie (ben 7) sentenze definitive passate in giudicato e di centinaia di ordinanze cautelari secondo le quali il diploma magistrale conseguito entro l'a.s. 2001/2002 costituisce titolo sufficiente all'ammissione in G.A.E.

Le motivazioni, in breve, sono le seguenti:

-Il termine per impugnare il provvedimento amministrativo decorre dalla piena conoscenza dell'atto e dei suoi effetti lesivi e non assume alcun rilievo, al fine di differire il dies a quo di decorrenza del termine decadenziale, l'erroneo convincimento soggettivo dell'infondatezza della propria pretesa. Deve, pertanto, escludersi, fatta eccezione per l'ipotesi degli atti plurimi con effetti inscindibili, che il sopravvenuto annullamento giurisdizionale di un atto amministrativo possa giovare ai cointeressati che non abbiano tempestivamente proposto il gravame e, per i quali, pertanto, si è già verificata una situazione di inoppugnabilità, con conseguente "esaurimento" del relativo rapporto giuridico;

Sulla base di tale teoria qualunque ricorso proposto dopo il 2007 è inammissibile dinanzi al Giudice Amministrativo, ragion per cui nessun ricorso proposto dopo l'esito vittorioso ricorso straordinario proposto da una ricorrente nel 2013 e conclusosi con l’emanazione del Decreto del Presidente della Repubblica che ha riconosciuto il valore abilitante del diploma doveva sin da subito essere rigettato.

Dunque, lo stesso Consiglio di Stato ha errato a partire dalla sentenza n. 1973/15 ad accogliere il primo ricorso.

La sola presenza di tale argomento, difatti, in disparte la sua fondatezza o infondatezza, avrebbe comunque potuto consentire di instaurare dei contenziosi innanzi al Giudice del Lavoro (ove si può contestare il D.M. del 2007 entro termini più lunghi di quelli al T.A.R.). L'Adunanza Plenaria, al contrario, va ben oltre la stessa ordinanza di rimessione (che tale aspetto aveva ignorato).

In tal senso, coloro che hanno proposto ricorso dinanzi al tribunale ordinario (molti di voi lo hanno fatto) hanno la possibilità di veder definita quest’altra alternativa. In tal senso occorre ben analizzare la sentenza e così sarà fatto, nei vari giudizi attualmente pendenti dinanzi alla Corte di Appello di Lecce, al fine di enucleare dei principi favorevoli ai ricorrenti, sulla base di talune contraddittorietà presenti nella stessa sentenza dell’Adunanza Plenaria.

Secondo l’AD:

“Il possesso del solo diploma magistrale, sebbene conseguito entro l'anno scolastico 2001/2002, non costituisce titolo sufficiente per l'inserimento nelle graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo istituite dall'articolo 1, comma 605, lett. c), della legge 27 dicembre 2006, n. 296.

Tale posizione, dunque, esclude, in radice, che il diploma magistrale possa essere utile all'ammissione in G.A.E., a prescindere dal tempo della richiesta.

Queste tesi erano state superate dallo stesso Consiglio di Stato con le sentenze n. 4232 e 5439 del 2015, nelle quali il Consigli di Stato aveva ribadito che la chiusura della G.A.E. è inopponibile a chi, come i diplomati magistrali, è abilitato già da prima del 2006".

Il contenuto di quelle sentenze è totalmente obliterato dalla Plenaria. "5.- Né , diversamente da quanto sostenuto dall'Amministrazione, può essere condivisa la tesi fondata sulla differenza tra l'efficacia del titolo abilitante del diploma magistrale conseguito entro l'anno scolastico 2001-2002 e il diritto dei medesimi docenti abilitati all'inserimento nelle graduatorie ad esaurimento.

Ciò in quanto in base alla normativa vigente, requisito sufficiente per siffatto inserimento è il possesso della abilitazione all'insegnamento.

Del resto, la tabella di valutazione dei titoli della citata terza fascia delle graduatorie ad esaurimento del personale docente delle scuole e istituti di ogni ordine e grado – cfr. tabella di cui all'articolo 1 al d.l. n. 97/2004, convertito dalla legge n. 143/2004, integrata dalla legge n.186/2004 e modificata dalla legge n. 296/2006 – prevede, tra l'altro, al punto a), denominato "titoli abilitanti di accesso alla graduatoria", il titolo abilitante comunque posseduto, che è quindi titolo valido, come il diploma magistrale citato, per il suddetto inserimento.

Lo stesso articolo 1, comma 605, lettera c) della predetta legge n. 296/2006, nel fare riferimento alla definizione di un piano triennale per l'assunzione a tempo indeterminato allo scopo di dare soluzione al fenomeno del precariato, fa espressamente salvi, per il biennio 2007-2008, nelle graduatorie trasformate da permanenti in graduatorie ad esaurimento da cui, in parte, attingere per l'assunzione, gli inserimenti a favore dei docenti già in possesso di abilitazione, pur escludendo la possibilità di nuovi inserimenti".

Non una parola, in ogni caso, è spesa sul D.M. 353/14 che, per confessione del MIUR, vi aveva messo in seconda fascia all'uopo dedicate agli abilitati.

COSA ACCADE ORA.

  1. Tecnicamente chi è dentro le GAE con un provvedimento cautelare ha diritto a restarci sino all'esito del giudizio di merito innanzi al TAR o al Consiglio di Stato.
  2. Questi giudizi potrebbero essere fissati, verosimilmente, a partire dal mese di febbraio 2018 in poi.

PER I RICORRENTI ALBANO SILVIA ED ALTRI, RICORSO PENDENTE DINANZI AL CONSIGLIO DI STATO A SEGUITO DI ORDINANZA FAVOREVOLE DI SETTEMBRE, L’UDIENZA DI MERITO E’ FISSATA AL 18/11/208.

PERTANTO LAVORERANNO SINO AL 30/06.

VALUTEREMO PIU’ AVANTI LA POSIZIONE DI CIASCUN RICORRENTE IN RELAZIONE ALLE PROCEDURE DI AGGIORNAMENTO DELLE GAE PER IL TRIENNIO 2018/2021.

DOBBIAMO VALUTARE SE NEL FRATTEMPO SARANNO ADOTTATI DEI PROVVEDIMENTI DA PARTE DEL MIUR O DA PARTE DEL LEGISLATORE PER OVVIARE AL FATTI CHE, NEL FRATTEMPO, TALI RICORRENTI CONTINUERANNO AD ESSERE INSERITI NELLE GAE, PER CUI, DI FATTO, POTRESTE PROCEDERE ALL’AGGIORNAMENTO DELLE GAE.

CI RISENTIREMO MOMENTO PER MOMENTO.

OVVIAMENTE, l'esito di TAR e CDS una volta fissati tali ricorsi (verosimilmente) non può che seguire l'esito della Plenaria decretando, quindi, l'espulsione dalle GAE.

Il MIUR o il Legislatore, tuttavia, possono intervenire con dei provvedimenti ad hoc che potrebbero o consentire di concludere l'anno scolastico in corso o, al contrario, interrompere immediatamente il rapporto (di ruolo o no) anche in vigenza di un provvedimento cautelare.

Per quanto tale scelta non pare ortodossa e potrebbe essere contestata innanzi al TAR, difficilmente si consentirà di continuare a consolidare posizioni comunque destinate ad essere travolte.

Anche chi ha ottenuto il ruolo (e finanche chi ha firmato il contratto senza riserva ma era comunque in GAE grazie ad un provvedimento cautelare o ancora ha superato il periodo di prova) rischierà il depennamento da GAE con conseguente revoca degli incarichi.

PER I RICORRENTI CHE HANNO PROPOSTO RICORSO AVVERSO IL D.M. 400/2017 ADAMO SARA ET AL. E CHE HANNO PROPOSTO APPELLO CAUTELARE AVVERSO L’ORDINANZA DI RIGETTO DEL TAR LAZIO:

  1. L’APPELLO CAUTELARE è STATO DIFFERITO AL 18/3/2018.
  2. L’ORDINANZA SARA’ SENZ’ALTRO NEGATIVA.
  3. IL GIUDIZIO PENDENTE DINANZI AL TAR SI CONCLUDERA’ CON UNA SENTENZA PRESUMIBILMENTE NEGATIVA.

Cosa fare ora.

Le sentenze definitive del Consiglio di Stato possono essere impugnate dinanzi alla CEDU.

I tempi di risoluzione di tale contenzioso, tuttavia, non sono certo immediati e, stante la media attuale dei procedimenti, oscillano dai 3 ai 5 anni.

OCCORRE DUNQUE ATTENDERE PER CIASCUN RICORSO LA DECISIONE DEL CONSIGLIO DI STATO.

COS’È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO.

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo è un tribunale internazionale con sede a Strasburgo, in Francia. La Corte si compone di un numero di giudici pari a quello degli Stati membri del Consiglio d’Europa che hanno ratificato la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. A oggi, la Convenzione è stata ratificata da quarantasette Stati.

COS’È LA CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO.

La Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo è un trattato internazionale aperto alla firma degli Stati membri del Consiglio d’Europa. La Convenzione, che istituisce la Corte e ne regola il funzionamento, contiene un catalogo di diritti e libertà che gli Stati hanno assunto l’obbligo di rispettare.

CHI PUO’ RICORRERE ALLA CEDU.

Ogni persona fisica, ogni organizzazione non governativa o gruppi di privati che ritengano di essere vittima di una violazione da parte dello Stato di uno dei diritti e delle garanzie riconosciuti dalla Convenzione o dai suoi protocolli Convenzione europea per la salvaguardia dei Diritti dell’ Uomo può introdurre un ricorso davanti alla Corte Europea (il diritto alla vita, il divieto di tortura, il divieto di schiavitù e dei lavori forzati, il diritto alla libertà e alla sicurezza; il diritto ad un equo processo, il diritto al rispetto della vita privata e familiare, le libertà di pensiero, coscienza, religione, espressione, riunione e associazione, il divieto di discriminazione, il divieto di abuso dei diritti, ecc..).

CONTRO CHI SI PRESENTA IL RICORSO

Contro uno o più Stati membri della Convenzione che si ritiene abbia/no violato la Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo. L’atto o gli atti contestati devono essere emanati da un’autorità pubblica di uno o più Stati membri La Corte non può esaminare le doglianze dirette contro dei singoli o contro delle istituzioni di diritto privato, come le società commerciali

QUANDO IL RICORSO PUO’ ESSERE PRESENTATO

È necessario che siano state esaurite le vie di ricorso interne nazionali per porre rimedio alla situazione denunciata (si tratta, nella maggior parte dei casi, di un’azione dinanzi al tribunale competente, seguita all’occorrenza da un appello e da un ricorso presso una giurisdizione superiore come la Corte Suprema di Cassazione o la Corte costituzionale).

QUALI SONO I TEMPI.

A partire della data della decisione interna definitiva (in generale il giudizio passato in giudicato pronunciato dall’istanza giurisdizionale più alta in grado) è previsto un termine di sei mesi per introdurre il ricorso. Una volta scaduto tale termine, il ricorso non potrà più essere accettato dalla Corte.

COSA DEVO FARE NELL'IMMEDIATO SE HO UN CONTRATTO (A TEMPO DETERMINATO O INDETERMINATO) DA GAE

Nulla. Attendere gli eventi.

PER IL GIUDIZIO PENDENTE DINANZI AL TAR LAZIO – ADAMO SARA ED ALTRI – IMPUGNATIVA D.D. 400/2017

Il Tar Lazio, investito delle prime cause nel 2014, ha in alcuni casi pronunciato sentenza, ritenendo manifestamente inammissibile ed infondato il ricorso mentre in altri casi, con ricorsi motivati in maniera evidentemente più persuasiva o comunque diversa, non ritenendoli MANIFESTAMENTE infondati, li ha rigettati con ordinanza.

IL RICORSO ERA da rigettare ma non era MANIFESTAMENTE INFONDATO.

Chi, a torto o a ragione, secondo il TAR ha avuto un ricorso MANIFESTAMENTE INFONDATO, ha subito una sentenza negativa che ha appellato al Consiglio di Stato che, sino al dicembre 2015, ha pronunciato le sentenze passate in giudicato.

Se il senso della domanda è: perché gli altri si ed io no, dunque, l'unica risposta processualmente vera è che il TAR, che è l'unico che poteva scegliere di fare sentenza o ordinanza, ha scelto la seconda perché ha ritenuto NON MANIFESTAMENTE INAMMISSIBILE O INFONDATA LA NOSTRA AZIONE.

PER I RICORRENTI AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Tutti coloro che hanno ricorsi pendenti, dunque, sono nella situazione di cui sopra.

 

 

 

  • Condividi
Read more

PERSONALE ATA - PROROGA GRADUATORIE DI TERZA FASCIA – FIRMATO IL DECRETO

Si rende noto che a seguito delle continue sollecitazioni dello SNALS e delle altre OO.SS., è stato firmato dalla ministra il Decreto n. 947 dell’1/12 scorso, con il quale viene disposto che:

-       le graduatorie di circolo di istituto del triennio precedente 2014/2015, 2015/2016 e 2016/2017 conservano validità ed efficacia fino alla fine del corrente a.s. 2017/2018;

-       il comma 2, dell’art. 1, del D.M. n. 640/2017, viene modificato nel senso che le nuove graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia hanno validità per il triennio 2018/19, 2019/20 e 2020/21.

Corre l’obbligo di manifestare piena soddisfazione per tale provvedimento che consente serenità operativa alle scuole per quanto attiene alla formazione delle nuove graduatorie e fornisce certezza di diritto a coloro, che fruendo dell’art. 59 del vigente CCNL, hanno avuto la nomina fino all’avente titolo.

Resta fermo il nostro impegno affinché adesso, dopo il suddetto D.M., il MIUR emani al più presto la conseguente nota ministeriale con la quale tutti gli attuali contratti stipulati fino all’avente titolo vengano trasformati, a norma di quanto disposto dall’art. 4, commi 1 e 11, della legge 124/99, con scadenza fino al 30/6 o 31/8, a seconda della natura del posto occupato dagli interessati.

 

  • Condividi
Read more

Cessazioni dal servizio del personale scolastico dal 1 settembre 2018. Trattamento di quiescenza

http://www.bo.istruzioneer.it/site/sipub/schedaDoc.php?des_id=13141

È fissato al 20 dicembre il termine finale per la presentazione, da parte del per nale docente, educativo, amministrativo, tecnico e ausiliario della scuola, impiegato con ra porto di lavoro a tempo indeterminato, delle domande di cessazione per raggiungimento del imite massimo di servizio, di dimissioni volontarie, di trattenimento in servizio er il raggiungimento del minimo contributivo, con effetti dallo settembre 2018.

  • Condividi
Read more

INFORMATIVA BANDO DI CONCORSO DIRIGENTI SCOLASTICI – INCONTRO AL MIUR

E’ avvenuta stamane, 23.11.2017, al MIUR l’informativa alle OO.SS. sul bando di concorso per Dirigenti scolastici. Gli aspetti salienti della stessa sono di seguito riportati.

Pubblicazione in G.U. del bando

Avverrà nella Gazzetta Ufficiale di domani.

Posti messi a concorso

I posti messi a concorso sono 2425 (2416 sul piano nazionale e 9 destinati al Friuli per le scuole con lingua slovena).

Presentazione delle domande

Avverrà dal 29/11/2017 al 29/12/2017, tramite il sistema POLIS.

Avviso calendario prove

Sarà pubblicato nella G.U. del 27/2/2018.

Banca dati quesiti

Sarà pubblicata sul sito del MIUR a metà febbraio e sarà composta da 4000 quesiti ripartiti su nove aree tematiche.

Riserva dei posti

E’ stato utilizzato tutto il 5% previsto dal Regolamento ed il numero dei posti ammonta a 145 di cui 31 destinati agli incaricati di presidenza.

Prova preselettiva

Sono previsti 100 quesiti da rispondere in 100 minuti.

Aspetti organizzativi

Dopo la scadenza della presentazione delle domande, esse saranno suddivise in file per titolarità regionale in modo che gli UU.SS.RR. di afferenza potranno verificare i requisiti di accesso dei candidati.

Prove suppletive

Le prove suppletive saranno svolte nelle istituzioni scolastiche il più possibile vicine alla residenza dei candidati.

Esiti prove

E’ prevista la pubblicazione su POLIS degli esiti della preselezione nonché, una volta sciolto l’anonimato, anche quelli della prova scritta.

Avviso per aspiranti componenti la commissione

Verso metà dicembre è prevista la pubblicazione di apposito avviso per gli aspiranti a componenti della commissione del concorso che potranno produrre domanda tramite POLIS.

Ammessi al corso di formazione

Al corso di formazione è prevista l’ammissione di 2899 candidati. Su tale numero è stato applicato il 5% ai fini della determinazione dei 145 posti riservati.

Posti attualmente vacanti

I posti attualmente vacanti ammontano a 1189.

Precisazione sui requisiti di ammissione in caso di passaggio di ruolo

Ai fini del computo degli almeno cinque anni di servizio, si calcola il servizio a decorrere dal primo passaggio di ruolo conseguito.

Presentazione e valutazione titoli

I titoli vengono presentati solo da coloro che superano la prova scritta e valutati solo per coloro che superano la prova orale.

 

  • Condividi
Read more

CESSAZIONI DAL SERVIZIO DEL PERSONALE SCOLASTICO DALL’1/9/2018 – EMANATI DAL MIUR D.M. E INDICAZIONI OPERATIVE

Il MIUR, in data odierna, ha emanato il D.M. 919, disciplinante le cessazioni dal servizio del personale scolastico dall’1/9/2018 per l’accesso al trattamento di quiescenza, nonché la nota prot. 50436, riportante le indicazioni operative.

Nel rinviare per completezza d’informazione ai testi ufficiali dei suddetti provvedimenti, che provvediamo ad inserire in area riservata ed internet, si riportano di seguito gli aspetti salienti.

Termine per la presentazione delle domande di cessazione

È fissato al 20 dicembre p.v. il termine finale per la presentazione, da parte del personale docente, educativo, amministrativo, tecnico e ausiliario della scuola, impiegato con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, delle domande di cessazione per raggiungimento del limite massimo di servizio, di dimissioni volontarie, di trattenimento in servizio per il raggiungimento del minimo contributivo, con effetti dallo settembre 2018.

Entro il medesimo termine del 20 dicembre p.v., i soggetti che hanno già presentato le domande di cessazione per raggiungimento del limite massimo di servizio, di dimissioni volontarie, di trattenimento in servizio per il raggiungimento del minimo contributivo possono presentare la relativa domanda di revoca.contributiva.

La pensione anticipata, rispetto a quella di vecchiaia, potrà conseguirsi, a domanda, solo al compimento di 41 anni e 10 mesi di anzianità contributiva, per le donne, e 42 anni e 10 mesi per gli uomini da possedersi entro il 31 dicembre 2018, senza operare alcun arrotondamento.

Il diritto al trattamento pensionistico di anzianità si consegue altresì, indipendentemente dall’età, in presenza di un requisito di anzianità contributiva non inferiore a 40 anni maturato entro il 31 dicembre 2011.

“Opzione donna” – Requisiti di accesso

Possono esercitare tale facoltà le lavoratrici che entro il 31 dicembre 2015 abbiano maturato un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni (per le gestioni esclusive dell’AGO 34 anni, 11 mesi e 16 giorni) e un’età anagrafica pari a 57 anni per le dipendenti.

Ai fini dell’accesso al trattamento pensionistico delle suddette lavoratrici, restano fermi la disciplina relativa agli incrementi della speranza di vita (dal 2017 pari a 7 mesi), nonché il regime delle decorrenze (c.d. finestre mobili) e il sistema di calcolo contributivo per la misura del trattamento medesimo.

Trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale con contestuale attribuzione della pensione

Il termine del 20 dicembre p.v. deve essere osservato anche da coloro che, avendo i requisiti per la pensione anticipata (41 anni e 10 mesi per donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini) e non avendo ancora compiuto il 65° anno di età, chiedono la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale con contestuale attribuzione del trattamento pensionistico.

La richiesta va formulata con unica istanza in cui gli interessati devono anche esprimere l’opzione per la cessazione dal servizio, ovvero per la permanenza a tempo pieno, nel caso fossero accertate circostanze ostative alla concessione del part-time (superamento del limite percentuale stabilito o situazioni di esubero nel profilo o classe di concorso di appartenenza).

Presentazione delle istanze

Le domande di cessazione dal servizio e le revoche delle stesse devono essere presentate con le seguenti modalità:

  • Il personale Dirigente Scolastico, docente, educativo ed A.T.A. di ruolo, ivi compresi gli insegnanti di religione, esclusivamente, mediante la procedura web POLIS “istanze on line”, relativa alle domande di cessazione, disponibile sul sito internet del Ministero (www.istruzione.it). Al personale in servizio all’estero è consentito presentare l’istanza anche con modalità cartacea
  • il personale delle province di Trento, Bolzano ed Aosta, presenta le domande in formato cartaceo direttamente alla sede scolastica di servizio/titolarità, che provvederà ad inoltrarle ai competenti Uffici territoriali.

Le domande di trattenimento in servizio ovvero per raggiugere il minimo contributivo continuano ad essere presentate in forma cartacea entro il termine del 20 dicembre.

Gestione delle istanze

L’accertamento del diritto al trattamento pensionistico sarà effettuato da parte delle sedi competenti dell’INPS sulla base dei dati presenti sul conto assicurativo entro i termini che saranno comunicati successivamente con nota congiunta MIUR/INPS. I termini per tale accertamento terranno conto anche dei tempi necessari per la comunicazione al personale dimissionario dell’eventuale mancata maturazione del diritto al trattamento pensionistico.

Gli Uffici Scolastici Territoriali provvederanno all’esatta ricognizione delle domande di Ricongiunzione, Riscatti, Computo, nonché dei relativi allegati, prodotte entro il 31 agosto 2000 e non ancora definite, con riferimento a coloro che cesseranno dal servizio con decorrenza dal 1 settembre 2018. Tale attività è propedeutica agli scambi di informazioni fra INPS e MIUR.

Apposita circolare operativa condivisa tra MIUR e INPS sarà emanata per fornire le indicazioni operative e la tempistica per la lavorazione delle domande di Ricongiunzione, Riscatti, Computo.

Le cessazioni devono essere convalidate al SIDI con l’apposita funzione dopo l’accertamento del diritto a pensione da parte dell’INPS.

Potranno operare le segreterie scolastiche o gli Uffici scolastici territoriali, secondo l’organizzazione adottata dai singoli Uffici Scolastici Regionali.

Nella domanda di cessazione gli interessati devono dichiarare espressamente la volontà di cessare comunque o di permanere in servizio una volta che sia stata accertata la eventuale mancanza dei requisiti, di cui sarà data in ogni caso informazione dall’INPS al dipendente.

La segreteria scolastica o l'Ufficio scolastico dovranno, dal canto loro, annullare la cessazione già inserita al SIDI.

Le domande di pensione devono essere inviate direttamente all’Ente Previdenziale, esclusivamente attraverso le seguenti modalità:

1) presentazione della domanda on-line accedendo al sito dell’Istituto, previa registrazione;

2) presentazione della domanda tramite Contact Center Integrato (n. 803164);

3) presentazione telematica della domanda attraverso l’assistenza gratuita del Patronato.

Tali modalità saranno le uniche ritenute valide ai fini dell’accesso alla prestazione pensionistica. La domanda presentata in forma diversa da quella telematica non sarà procedibile fino a quando il richiedente non provveda a trasmetterla con le modalità sopra indicate.

Trattenimento in servizio

Al fine di assicurare continuità alle attività previste negli accordi sottoscritti con scuole o università dei Paesi stranieri, il personale della scuola impegnato in innovativi e riconosciuti progetti didattici internazionali svolti in lingua straniera, al raggiungimento dei requisiti per la quiescenza, può chiedere di essere autorizzato al trattenimento in servizio retribuito per non più di due anni. Il trattenimento in servizio è autorizzato, con provvedimento motivato, dal dirigente scolastico e dal direttore generale dell'ufficio scolastico regionale.

Nulla è innovato rispetto al comma 3, dell’articolo 509 del DLGS 297/94 che disciplina i trattenimenti in servizio per raggiungere il minimo ai fini del trattamento di pensione. Pertanto, nel 2018 potranno chiedere la permanenza in servizio i soli soggetti che, compiendo 66 anni e sette mesi di età entro il 31 agosto 2018, non sono in possesso di 20 anni di anzianità contributiva entro tale data.

Cessazione Dirigenti Scolastici dal 1° settembre 2018

Il termine per la presentazione della domanda di cessazione dal servizio dei dirigenti scolastici è fissato al 28 febbraio.

Il dirigente scolastico che presenti comunicazione di recesso dal rapporto di lavoro oltre il termine di cui sopra non potrà usufruire delle particolari disposizioni che regolano le cessazioni del personale del comparto scuola.

APE sociale

Successive indicazioni anche alla luce di eventuali interventi normativi saranno fornite con riguardo alle cessazioni dal servizio di coloro che hanno avuto il riconoscimento delle condizioni di accesso all’APE sociale.

 

  • Condividi
Read more

Legge di Bilancio: Audizione dello SNALS-CONFSAL alla Camera del 21.11.2017

LEGGE DI BILANCIO: AUDIZIONE DELLO SNALS-CONFSAL ALLA CAMERA del 21.11.2017

In data odierna si è svolta l’audizione  alla VII Commissione della Camera dei Deputati, chiesta dallo Snals-Confsal e dalle altre OO.SS., dopo l’audizione al Senato, per rappresentare le esigenze e le problematiche per il prossimo rinnovo del CCNL del comparto “Istruzione e ricerca”, per lo specifico settore Scuola e la correlata Area dirigenziale.

All’audizione lo Snals-Confsal ha partecipato con una delegazione guidata dal Vicesegretario generale Irene Tempera.

Le delegazioni di Snals-Confsal e delle altre OO.SS. sono state ricevute dall’On. Ettore Rosato, Capogruppo del gruppo parlamentare del PD e dall’On. Simona Malpezzi, membro della VII Commissione "Cultura”  e responsabile  Scuola del PD.

In apertura, l’on. Malpezzi ha assicurato l’attenzione del suo partito per la scuola. Nel merito ha comunicato che sono stati predisposti alcuni emendamenti alla legge di bilancio.

L’on. Rosato ha espresso la volontà di ascoltare le OO.SS per trovare soluzioni condivise, anche se il nodo delle risorse è molto difficile da sciogliere. Il vicesegretario Irene Tempera  ha ribadito la necessità di trovare risorse aggiuntive per il rinnovo del contratto in quanto gli stanziamenti previsti ( 85 euro medi lordi ) sono del tutto insufficienti a garantire un’adeguata retribuzione per il personale della Scuola, ad assicurare il recupero del potere d’acquisto, a restituire dignità sociale al personale, nonché a realizzare un allineamento con le retribuzioni medie dei Paesi OCSE, rispetto alle quali esiste un notevole gap, come sottolineato dalla stessa ministra Fedeli.

Il Vicesegretario Tempera ha, inoltre,  affermato che nel prossimo   contratto risiedono molte aspettative del personale della scuola, sia per la parte economica che normativa e , dopo quasi dieci anni di vacanza contrattuale , non possono essere deluse.  Ha chiesto, pertanto, al Governo un segnale politico forte ed importante per la scuola anche con la costituzione di un “Fondo per la scuola” in cui far confluire tutte le risorse disperse in vari rivoli dalla legge 107/2015 che andrebbero contrattualizzate, e risorse aggiuntive, anche derivanti dal contrasto all’evasione fiscale, finalizzate a integrare la massa salariale. Un Fondo finalizzato a valorizzare il personale, ma anche a qualificare l’offerta formativa.

L’on Rosato, in risposta a quanto esposto dallo S.N.A.L.S. e dalle altre OO.SS., ha espresso condivisione ed ha assunto l’impegno per la costituzione di un fondo per la scuola che può nascere anche da un tavolo con le OO.SS, previo confronto con il Ministro Fedeli;

Lo Snals-Confsal seguirà con attenzione l’iter della legge di bilancio e i connessi emendamenti.

  • Condividi
Read more

CONFSALFORM: SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER LA PREPARAZIONE AL CONCORSO PER DIRIGENTE SCOLASTICO – 2017

Sono riaperte le iscrizioni al corso di preparazione al concorso per Dirigente Scolastico – 2017 (v. locandina).

Il corso è fruibile in rete mediante un percorso in e-learning e n. 2 eventi live, che saranno organizzati in prossimità della prova preselettiva.

Il corso è stato pubblicato sulla piattaforma SOFIA MIUR, per consentire la formalizzazione della registrazione e della relativa iscrizione.

Per info: segreteria provinciale SNALS Bologna, via Bigari 17/2, tel 051 366065  oppure scrivere  a consulenza@snalsbologna.it

  • Condividi
Read more

PERSONALE ATA – GRADUATORIE DI ISTITUTO DI TERZA FASCIA MODELLI DI DOMANDA

Sono pervenuti dal MIUR e provvediamo a pubblicare, i seguenti modelli previsti dal DM 640/2017, disciplinante la formazione delle graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia per il personale ATA, relative al triennio 2017/2020:

-    allegato D1: domanda di inserimento;

-    allegato D2: domanda di conferma/aggiornamento;

-    allegato D4: modulo per la richiesta di depennamento delle graduatorie provinciali permanenti, dagli elenchi provinciali ad esaurimento, dalle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico e correlate graduatorie di I e II fascia di circolo e di istituto.

A riguardo, si evidenzia che:

-    i suddetti modelli potranno essere presentati dal 30 settembre al 30 ottobre pp.vv.;

-    tali modelli dovranno essere indirizzati ad una prescelta istituzione scolastica statale della provincia di interesse tramite raccomandata A/R ovvero consegnati a mano oppure mediante l’utilizzo della posta elettronica certificata;

-    la domanda di inserimento o di conferma/aggiornamento deve essere prodotta per la stessa e unica provincia;

-    con modalità e termini che saranno successivamente comunicati, tramite istanze on line, sarà possibile, invece, presentare il modello di domanda di scelta delle istituzioni scolastiche.

 

  • Condividi
Read more

SNALS EMILIA ROMAGNA CORSO DI PREPARAZIONE AL CONCORSO PER DIRIGENTE SCOLASTICO

Lo Snals regionale attiva un Corso di preparazione alle prove selettive per il Concorso a Dirigente scolastico  presso la propria sede di Bologna, in via Bigari n° 17/2

Per informazioni e preiscrizioni: rivolgersi alla sede Snals di Via Bigari 17/2 tel: 051 366065, orari di apertura: lunedì, mercoledì,  giovedì dalle 15.30 alle 18.00; venerdì dalle 9.00 alle 12.00

  • Condividi
Read more

ASSEMBLEE SINDACALI NEO IMMESSI IN RUOLO DOCENTI E ATA

Nei giorni giovedì 21 e 28  settembre 2017 e 12 ottobre 2017, dalle 16.00 alle 18.00, è convocata un’ assemblea sindacale presso la sede dello SNALS Bologna, via Bigari 17/2 Bologna, per discutere del seguente ordine del giorno:

 

  1. anno di prova e formazione – comitato di valutazione – ruolo del tutor
  2. documenti di rito – ricostruzione di carriera
  3. mobilità per la sede definitiva (normativa attuale)

 

 

L’assemblea è aperta a tutti, docenti e ATA.

  • Condividi
Read more

SCUOLE ALL’ESTERO - PROROGA GRADUATORIE A.S. 2017/2018

Il 1° agosto 2017, il MAECI ha pubblicato il decreto con il quale viene disposta la proroga delle graduatorie triennali da utilizzare per nomine sui posti vacanti nelle scuole all’estero, per l’a.s. 2017/2018.

Provvediamo ad inserire in allegato il testo ufficiale del suddetto provvedimento.

  • Condividi
Read more

VACCINI – PUBBLICATA LA LEGGE IN G.U.

Si informa che nella G.U. – serie generale n. 182, del 5/8/2017, è stata pubblicata la legge n. 113, del 31/7/2017, di conversione, con modificazioni, del decreto legge 7/6/2017, n. 73, recante disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale.

Il provvedimento è entrato in vigore il 6/8/2017.

A riguardo si evidenzia che il Ministero della Salute, subito dopo l’approvazione di tale disposizione da parte del Senato, ha redatto un fascicolo nel quale vengono impartite le principali informazioni relative alla copertura vaccinale, all’importanza delle vaccinazioni ed agli obblighi delle famiglie e delle scuole.

Provvediamo ad inserire in allegato il testo della suddetta legge e del fascicolo sopra citato.

  • Condividi
Read more

AVVISO AGLI UTENTI DEL PORTALE Istanze On Line

In previsione della prossima apertura delle istanze per la presentazione del modello B da parte del personale docente e dell’allegato D3 (la cui normativa è in corso di definizione) da parte del personale ATA incluso nelle graduatorie di istituto, al fine di ridurre i disagi all’utenza dovuti allo smarrimento delle credenziali di accesso (username e password) al portale “Istanze On Line” (alias POLIS) o alla casella di posta elettronica indicata in fase di registrazione, verranno revocate tutte le utenze che non sono state più utilizzate dal 01/03/2015.

Al fine di evitare la revoca delle utenze e la conseguente necessità di procedere ad nuova registrazione e riconoscimento presso le segreterie scolastiche, si raccomanda agli utenti interessati che dal 01/03/2015 non hanno più effettuato alcun accesso al portale Istanze On Line, di accedere al servizio utilizzando il bottone “ACCEDI” presente nella pagina  http://www.istruzione.it/polis/Istanzeonline.htm  entro le ore 24:00 del prossimo 12 Luglio.

Per ulteriori dettagli in merito alle credenziali di accesso da utilizzare si raccomanda di leggere con attenzione la pagina http://www.istruzione.it/polis/Novit%C3%A0ServizioIstanzeOnLine_rev11.pdf.

  • Condividi
Read more

ORARIO ESTIVO - APERTURA UFFICIO -

Si comunica quanto relativo all'intitolazione :

Dal 15/07/2017 al 05/09/2017 la sede del sindacato SNALS di Bologna sarà aperta al pubblico nei seguenti giorni:

* Mercoledi'  ore  15,30  - 18,00

* Giovedì      ore  15,30  - 18,00

CHIUSURA TOTALE DAL 14 AL 19 AGOSTO 2017

La sede di Imola sarà chiusa per tutto il mese di agosto.

Per urgenze o problemi indifferibili, chiamare il numero 3317331819 dopo le ore 14,00.

  • Condividi
Read more

NUOVO RICORSO INSERIMENTO GAE 2017

INFORMATIVA RICORSO COLLETTIVO T.A.R. LAZIO, SEZ. ROMA – D.M. N. 400/2017

Con il D.M. n. 400 del 12 giugno 2017, il Miur ha disposto l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del personale docente valevoli per il triennio scolastico 2014/2017, successivamente prorogato al 2019 (art. 1, comma 10 bis D.L. 210/2015).  Si informano tutti gli interessati della possibilità di adire il Tribunale Amministrativo Regionale Lazio – Sez.  Roma, tramite ricorso collettivo per l’impugnazione del Decreto Ministeriale N. 400 del 12.6.2017, per  l’aggiornamento delle Graduatorie ad Esaurimento (cd. finestra di aggiornamento), al fine di ottenere  l’inserimento nelle III^ Fasce delle Graduatorie ad Esaurimento, per i possessori dei seguenti diplomi:

Diploma Magistrale conseguito entro l’A.S. 2001/2002.

Diploma Magistrale ad indirizzo Linguistico conseguito entro l’A.S. 2001/2002.

T.F.A. - P.A.S. – Dottorato di Ricerca.

Diploma di Maturità Tecnica (I.T.P.).

Diploma di Maturità Professionale (I.T.P.).

Diploma AFAM Vecchio Ordinamento.

Diploma Dottorato di Ricerca.

Per informazioni : info@snalsbologna.it

  • Condividi
Read more

PUBBLICATO DECRETO PER L'AGGIORNAMENTO DELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO PER LA II E III FASCIA

È stato approvato il Decreto Ministeriale n. 374 dell'1 giugno 2017. di aggiornamento della II e la III fascia delle graduatorie di circolo e di istituto del personale docente ed educativo con validità per gli anni scolastici 2017/2018, 2018/2019 e 2019/2020.
Per le domande c’è tempo fino al 24 giugno 2017  e si possono utlizzare i modelli  A/1, A/2 e A/2bis.       http://www.istruzione.it/graduatoriedistituto/personale_docente.shtml

  • Condividi
Read more

MOBILITÀ 2017/2018: LINEE GUIDA UNITARIE SULL’ASSEGNAZIONE ALLE SCUOLE DEI DOCENTI TITOLARI SU AMBITO

l’11 aprile 2017 è stato sottoscritto il contratto nazionale integrativo sulla mobilità del personale della scuola per l’a.s.2017/2018 che costituisce un primo concreto risultato dopo l’intesa firmata a Palazzo Vidoni tra Governo e sindacati. Infatti, ritorna a pieno titolo nell’alveo della contrattazione la mobilità del personale sulla quale la legge 107, con un’evidente invasione di campo, era pesantemente intervenuta, compromettendo la trasparenza e la regolarità delle relative operazioni.

Molte sono le novità previste dal CCNI rispetto allo scorso anno: viene ripristinato il trasferimento su scuola; aumentano le province richiedibili; viene superato il vincolo triennale di permanenza nella provincia di assunzione per i neo immessi in ruolo in altra provincia; viene equiparato il punteggio del servizio svolto prima dell’assunzione in ruolo con quello di ruolo; le unioni civili vengono equiparate in termini di punteggio alle famiglie tradizionali.

Viene inoltre semplificata tutta la procedura con la riduzione da otto a due delle fasi del trasferimento e l’unificazione del numero delle preferenze esprimibili per tutti gli ordini di scuola.

Ulteriore aspetto innovativo della mobilità per l’a.s. 2017/2018 è rappresentato dal successivo CCNI sottoscritto tra il MIUR e le OO.SS. sul passaggio dei docenti da ambito a scuola che assicura procedure imparziali, definendo regole certe e stabilite a livello nazionale, collega l’individuazione dei requisiti al fabbisogno del PTOF di istituto e valorizza il ruolo del collegio dei docenti. Afferma un principio di trasparenza con la pubblicazione degli avvisi prima che si conoscano gli esiti dei movimenti. Per questa via si esclude ogni interferenza estranea al PTOF.

Al fine di supportare il lavoro delle scuole, le OO.SS. firmatarie del CCNI mettono a disposizione dei dirigenti scolastici, delle RSU e dei collegi dei docenti alcuni strumenti di lavoro relativi alle procedure da seguire.

Si tratta di sintetiche linee guida sugli aspetti più rilevanti del Contratto accompagnate da un fac simile di delibera del collegio di docenti.

L’occasione è utile per ribadire il nostro forte impegno a creare le condizioni per un rinnovo del Ccnl che ridia soggettività e valore al lavoro di docenti, dirigenti, educatori e Ata, liberi la contrattazione da lacci e lacciuoli introdotti a vario titolo dal legislatore in 10 anni di mancato rinnovo e devolva interamente al Ccnl materie come l’organizzazione del lavoro, la formazione, il bonus premiale, la valutazione dei dirigenti e la mobilità.

Fiduciosi che il CCNI contribuisca a restituire serenità a tutti i soggetti coinvolti nella procedura di assegnazione dei docenti dagli ambiti alle scuole inviamo l’augurio di buon lavoro.

Roma, 11 maggio 2017

 

I segretari generali

Elvira Serafini  SNALS Confsal

Francesco Sinopoli  FLC CGIL

Maddalena Gissi  CISL Scuola

Giuseppe Turi  UIL Scuola

 

  • Condividi
Read more
SNALS-Confsal: ELVIRA SERAFINI È IL NUOVO SEGRETARIO GENERALE DEL SINDACATO AUTONOMO

SNALS-Confsal: ELVIRA SERAFINI È IL NUOVO SEGRETARIO GENERALE DEL SINDACATO AUTONOMO

Spetta ora al nuovo segretario generale Serafini portare avanti il rinnovamento dello Snals, favorendo anche il ricambio generazionale: "La nostra base è ampia, il sindacato è ben radicato ed è fortemente impegnato nella lotta contro la deriva di questa scuola dal 'merito perduto'"

 

http://snals.it/27714_SNALS-Confsal-+ELVIRA+SERAFINI+%C3%88+IL+NUOVO+SEGRETARIO+GENERALE+DEL+SINDACATO+AUTONOMO.snals

  • Condividi
Read more

RICORSO AVVERSO IL VINCOLO QUINQUENNALE SOSTEGNO

ISTRUZIONI OPERATIVE RICORSO VINCOLO QUINQUENNALE SOSTEGN

A- ISTRUZIONI PER CHI RICHIEDE IL PASSAGGIO DA SOSTEGNO A POSTO COMUNE COME UNICO MOVIMENTO 2017/2018 e NON INTENDE EFFETTUARE ALCUN TIPO DI ULTERIORE TRASFERIMENTO/PASSAGGIO DI RUOLO O DI CATTEDRA.

La piattaforma telematica ministeriale IstanzeOnLine non consente la presentazione delle domande al personale soggetto al vincolo quinquennale, è opportuno utilizzare il modello cartaceo per il proprio ordine/grado scolastico, che potete trovare nella cartella denominata MODELLI CARTACEI MOBILITA'.

Il modello, previamente compilato, deve essere inviato, unitamente all'Allegato D e alle altre dichiarazioni personali che troverete nel file compresso AUTODICHIARAZIONI, per raccomandata A/R all'Ambito Territoriale della provincia di attuale servizio e, per conoscenza, alla scuola di servizio, entro e non oltre il 6 maggio 2017.

Tale modello cartaceo deve essere utilizzato esclusivamente dal personale docente soggetto al vincolo quinquennale su sostegno che non richiede alcun altro tipo di movimento (trasferimento/passaggio di ruolo o di cattedra).

NON deve essere utilizzato dal personale docente non soggetto a tale vincolo (che dovrà invece utilizzare i moduli telematici disponibili su IstanzeOnLine) pena l'inammissibilità della domanda.

 

 

B- ISTRUZIONI PER CHI DEVE COMUNQUE COMPILARE IL MODELLO ONLINE PER EFFETTUARE ULTERIORI OPERAZIONI DI TRASFERIMENTO/PASSAGGIO DI RUOLO O DI

CATTEDRA E INTENDE ANCHE AVVALERSI DELLA FACOLTA' DI PASSARE DA SOSTEGNO A POSTO COMUNE.

Il personale che vuole effettuare ulteriori operazioni di mobilità (trasferimento/passaggio di ruolo o di cattedra) deve necessariamente compilare il modello online dichiarando nella domanda online di essere sottoposti al vincolo quinquennale su posto di sostegno.

Una volta espletata la procedura di compilazione del modello online per ottenere il trasferimento/passaggio di ruolo o di cattedra, dovrete caricare come allegato nella domanda di Mobilità 2017, entro il termine del 6 maggio 2017, oltre alla modulistica necessaria ai fini della lavorazione della domanda di mobilità, anche il modello cartaceo (All. 1) predisposto e reperibile nella cartella che contiene le presenti istruzioni operative.

  • Condividi
Read more

SOTTOSCRITTO IL CCNI PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED ATA PER L’A.S. 2017/2018: AL VIA LE DOMANDE – SOTTOSCRITTA LA PRE INTESA SULL’ASSEGNAZIONE DEI DOCENTI DA AMBITO A SCUOLA

Nella tarda serata di ieri, 11/04/2017, quasi a mezzanotte, si è finalmente pervenuti, al termine del lungo iter di verifica congiunta di F.P. e MEF, ai sensi dell’art. 40 del D.Lgs. 165/2001 e successive modifiche e integrazioni, alla sottoscrizione definitiva del Contratto Nazionale Integrativo per la mobilità del personale docente, educativo ed ATA per l’anno scolastico 2017/2018.

Le domande del personale docente saranno prodotte, con procedura POLIS. Le date previste dalla O.M. alla firma del Ministro sono le seguenti: dal 13 aprile al 6 maggio.

Le domande di mobilità del personale ATA saranno prodotte con procedura POLIS dal 4 maggio al 24 maggio.

Le domande del personale educativo saranno prodotte, in formato cartaceo dal 13 aprile al 6 maggio.

Le domande di mobilità del personale docente insegnanti di religione cattolica saranno prodotte in cartaceo dal 13 aprile al 16 maggio 2017.

La mobilità professionale verso le discipline specifiche dei licei musicali saranno prodotte, in formato cartaceo, dal 16 aprile al 6 maggio.

Tali date saranno ufficializzate più tardi con la firma, da parte del Ministro Fedeli, delle due O.M., per l’a.s. 2017/2018 relative, rispettivamente al personale docente educativo ed ATA e al personale docente di religione cattolica.

Siamo consapevoli che, purtroppo, le date coincidono con un periodo di festività e ponti ma le stesse sono stati inevitabili, a causa dei ritardi nei vari passaggi di verifiche interne al MIUR e della verifica congiunta di Funzione Pubblica e MEF del CCNI, adempimenti sopra citati e al fine di garantire il regolare inizio dell’anno scolastico.

Lo Snals-Confsal ritiene positiva sia la sottoscrizione del CCNI per la mobilità del personale docente educativo ed ATA, che, tra l’altro, supera molti limiti e negatività della legge 107/2015, sia la sottoscrizione della pre intesa contrattuale sulla assegnazione alle scuole dei docenti titolari di ambito, che prevede, come da sempre richiesto nei vari incontri contrattuali ed a livello politico, dal nostro sindacato, l’utilizzo dello strumento contrattuale del CCNI e riconosce il protagonismo del collegio dei docenti che, in coerenza ai contenuti del PTOF e del piano di miglioramento dell’istituzione scolastica, effettua una importante e specifica delibera, per individuare fino ad un massimo di 6 titoli ed esperienze specifiche, tra quelli contenuti nell’allegato A all’Ipotesi di CCNI.

Il testo del CCNI  della mobilità, appena sottoscritto, risulta sostanzialmente identico a quello firmato in ipotesi, in data 31 gennaio u.s., con l’ovvia modifica della data di sottoscrizione e dell’inserimento, nel verbale di sottoscrizione, della prevista autorizzazione all’ulteriore corso del CCNI.

Ad ogni buon conto, riportiamo, di seguito, alcuni aspetti del CCNI già evidenziati a seguito della sottoscrizione della ipotesi:

 

All’art. 1 – CAMPO DI APPLICAZIONE E DURATA DEL CONTRATTO - vi segnaliamo l’importante affermazione innovativa prevista al comma 1): “L’accordo per il pubblico impiego sottoscritto il 30 novembre tra le OO.SS. e il Ministro per la semplificazione e la Funzione Pubblica, definisce il contesto complessivo delle relazioni sindacali, nell’ambito del quale si definisce il presente contratto”;

al comma 2) si precisa che il CCNI disciplina la mobilità del personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, esclusivamente per l’a.s. 2017/2018;

al comma 4), in aggiunta alla consueta precisazione di possibile stipulazione di un ulteriore atto negoziale, anche su richiesta di un solo soggetto firmatario, per recepire possibili conseguenze sulla mobilità di eventuali interventi normativi, sono state inserite, tra le possibilità previste, anche le esigenze relative alle zone colpite dai recenti eventi sismici.

 

TITOLO I – PERSONALE DOCENTE

 

All’art. 2 – DESTINATARI – si prevede che le disposizioni relative ai trasferimenti e passaggi si applicano a tutti i docenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Al comma 2) si precisa, per i docenti, ancora in attesa di titolarità definitiva nella provincia, o che abbiano perso la titolarità definitiva, che gli stessi sono tenuti a presentare domanda di trasferimento e, in caso di mancata presentazione della domanda, sono sottoposti a mobilità d’ufficio, considerando come partenza il primo ambito della provincia di titolarità.

Inoltre, al comma 3) si stabilisce che i docenti immessi nei ruoli, ai sensi dell’art. 1, comma 98, lett. b) e c) della legge 107/15 (nominati in ruolo con procedura nazionale), che non abbiano ottenuto, nel corso della mobilità 2016/2017 un ambito territoriale di titolarità, partecipano alle operazioni tra province diverse. In caso di mancata presentazione della domanda tali docenti sono trasferiti, con punti zero, partendo dalla provincia di immissione in ruolo.

All’art. 3 – MOBILITA’ TERRITORIALE – al comma 1) si precisa che la mobilità per l’a.s. 2017/2018 è attuata per scuole e/o ambiti territoriali.

Al comma 2) si prevede che, nel movimento, il posto coperto da docente che abbia ricevuto l’incarico triennale è considerato indisponibile, fino a quando lo stesso non ottenga, a domanda, tramite la mobilità, altra titolarità di scuola o di ambito.

Altra importante precisazione è quella contenuta al comma 3) che prevede: “in attesa del coordinamento normativo previsto dall’art. 1, comma 180, della legge 107/2015 e in applicazione dell’art. 1, comma 1, per l’a.s. 2017/2018, il vincolo di cui all’art. 399, comma 3, del Testo Unico di cui al Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297, non viene applicato”. Conseguentemente anche i docenti immessi nei ruoli potranno partecipare alla mobilità interprovinciale, in deroga al vincolo triennale di permanenza nella provincia di nomina previsto dal citato articolo del Testo Unico.

Al comma 6) si chiarisce che le preferenze di scuola sono espresse attraverso il Codice di istituzione scolastica autonoma, con l’eccezione dei CPIA, dei percorsi di secondo livello del sistema di istruzione degli adulti, scuole carcerarie od ospedaliere o sezioni di scuola speciale.

Al comma 7) è stato previsto, relativamente alle autonomie scolastiche ubicate in comuni diversi, che le modalità e i criteri per l’assegnazione dei docenti ai posti ubicati in comuni diversi rispetto a quello sede di organico, siano definiti in contrattazione di istituto.

All’art. 4 – MOBILITA’ PROFESSIONALE – vi evidenziamo:

al comma 9) la mobilità professionale sui posti degli insegnamenti specifici dei licei musicali, disponibili per la mobilità professionale sia di cattedra che di ruolo; la stessa avviene secondo le seguenti priorità:

al punto a. il personale che ha insegnato per almeno 10 anni continuativi nella specifica disciplina nei soli istituti dove erano già attivate le sperimentazioni di ordinamento di liceo musicale (il cui elenco, previsto dalla nota 8822/2014, è inserito nella nota 4 allo stesso);

al punto b.  si prevede la successiva precedenza, ai fini del passaggio nella sola sede di attuale servizio, per il personale che ha insegnato, nella specifica disciplina e nella stessa sede dei licei musicali, istituiti a partire dall’a.s. 2010/2011, graduato in base al numero di anni di effettivo servizio e, nel caso di pari numero di anni, in base alle tabelle dell’All. 2 –Mobilità professionale.

Ogni Ufficio Scolastico Territoriale definirà le graduatorie provinciali per ciascuna classe di concorso, da utilizzarsi, in caso di concorrenza tra più aspiranti, per l‘individuazione del personale da confermare nella sede di servizio.

Al comma 10) si prevede una successiva graduazione del restante personale che aspiri al passaggio di cattedra o di ruolo su tali insegnamenti nei licei musicali, in base agli anni di effettivo servizio nei medesimi licei e, in caso di concorrenza sulla base delle tabelle di cui all’All. 2; il passaggio può essere richiesto su un solo liceo musicale, anche di provincia diversa.

All’art. 5 – MOBILITA’ TERRITORIALE E PROFESSIONALE DEL PERSONALE DOCENTE TRANSITATO NEI RUOLI STATALI – al comma 2) si prevede l’indisponibilità per la mobilità in entrata dei posti presso gli istituti dove è stata attuata la statizzazione, in caso non sia stato ancora perfezionato il transito di tali docenti considerando, separatamente, classe di concorso e, ciascun ruolo (diplomati o laureati).

All’art. 6 – PROCEDIMENTO DEI TRASFERIMENTI E DEI PASSAGGI – si prevede al comma 1) che ogni docente potrà esprimere, con un’unica domanda, fino a 15 preferenze di cui al massimo 5 scuole, appartenenti al proprio ambito o ad ambiti diversi, sia per la mobilità provinciale che per quella interprovinciale; per tale ultima mobilità sarà possibile esprimere anche codici sintetici delle province. La mobilità provinciale precede quella interprovinciale.

Al comma 2) si precisa che le preferenze richieste nella domanda sono esaminate nell’ordine indicato dall’aspirante e secondo il punteggio e le precedenze di ciascuna. In caso di parità prevale l’anzianità anagrafica.

Al comma 7) si prevede che per accedere in tutti gli ordini di scuola ai posti di sostegno o, relativamente alla scuola primaria, ai posti di lingua, il docente deve esprimere nel modulo domanda con quale ordine di preferenza intende essere trattato.

Al comma 9) si prevede che prima di eseguire la mobilità gli Uffici scolastici assegneranno l’ambito di partenza per i docenti già di ruolo e in attesa di sede definitiva, ad eccezione del personale immesso nei ruoli ai sensi dell’art. 1, comma 98, lett. b) e c) della legge 107/2015 (nominati in ruolo con procedura nazionale), che non ha ottenuto titolarità su ambito territoriale.

All’art. 8 – SEDI DISPONIBILI PER LE OPERAZIONI DI MOBILITA’ – vi segnaliamo: al comma 6) si prevede l’accantonamento, ai fini delle immissioni in ruolo autorizzate per l’a.s. 2017/2018, del 60% delle disponibilità determinate al termine dei trasferimenti provinciali.

Al comma 7) si prevede, ai fini dell’effettuazione dei trasferimenti per scuole o per ambiti di provincia diversa da quella di titolarità, il limite del 30% delle disponibilità determinate al termine dei trasferimenti provinciali.

Al comma 8) si prevede l’attuazione della mobilità professionale del personale docente nel limite del 10% delle disponibilità determinate al termine dei trasferimenti provinciali.

Al comma 9) è stato precisato che il calcolo dei contingenti previsto nei commi precedenti si effettua con arrotondamento, all’unità successiva del resto decimale più alto. E’ stato altresì prevista nel caso di resto pari, l’assegnazione del posto alla mobilità territoriale.

Al comma 12) si prevede, per la mobilità professionale verso i posti delle nuove classi di concorso dei licei musicali previsti al comma 9) dell’art. 4, l’utilizzo del 50% di tutti i posti vacanti e disponibili e si prevede, in caso di posto unico o resto dispari, l’assegnazione del posto alla mobilità professionale.

All’art. 9 – MODALITA’ DI INDICAZIONE DELLE SEDI DI ORGANICO – al comma 1) si prevede che ai fini dei trasferimenti e passaggi nella scuola dell’infanzia siano utilizzabili i posti dell’organico, di sostegno, di tipo speciali, i posti presso le scuole ospedaliere. Si puntualizza, altresì, che i posti dell’organico, di sostegno e di tipo speciale sono richiedibili mediante il codice di scuola sede di organico dei docenti. Analogamente per la scuola primaria, i posti di sostegno, di tipo speciale e i posti dell’organico sono richiedibili mediante indicazione del codice sede di organico docenti. Anche l’organico delle scuole secondarie di I e II grado è richiedibile con l’indicazione del codice sede di organico risultante dai bollettini.

Tale innovazione deriva dalla nuova impostazione dell’organico, per il quale l’Amministrazione, unilateralmente, ha stabilito che l’organico del personale docente avrà un codice unico, in attuazione del contenuto della legge 107/2015. In tal senso si ricorda che l’organico non è materia di contrattazione ma soltanto di informativa alle OO.SS., peraltro non ancora effettuata.

La novità riguarda particolarmente il personale docente della scuola secondaria di I e II grado che, precedentemente, esprimeva, ai fini del trasferimento a sezioni staccate o associate uno specifico codice.

All’art. 10 – MODALITA’ DI ASSEGNAZIONE AI CENTRI TERRITORIALI PER L’ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE DELL’ETA’ ADULTA DI CUI AL DPR 29 OTTOBRE 2012 N. 263 NELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO – al comma 3) si prevede che, in caso di indicazione di preferenza di tipo “ambito” o “provincia” non sia possibile includere le sedi di organico del CPIA richiesto, eventualmente situate in altre province; queste, invece, potranno essere richieste nelle cinque preferenze di scuola.

All’art. 11 – MODALITA’ DI ASSEGNAZIONE DELLE CATTEDRE E DEI POSTI CON TITOLARITA’ DI SCUOLA – CATTEDRE INTERNE ED ESTERNE – al comma 7) si precisa il caso di costituzione ex novo di una cattedra orario con completamento esterno da assegnare, ad uno dei docenti in servizio su cattedra nel corrente a.s. e si puntualizza che tale assegnazione avverrà in base alla graduatoria interna di istituto, con aggiornamento dei titoli al 31 agosto e con le precisazioni previste dall’art. 13, comma 3, lett. c) del CCNI. Si conferma, inoltre, come già previsto negli aa.ss. precedenti che, in presenza di più richieste volontarie di assegnazione alla cattedra orario esterne, i criteri di applicazione delle precedenze di cui all’art. 13, comma 1, sono demandati alla contrattazione di istituto.

All’art. 13 – SISTEMA DELLE PRECEDENZE ED ESCLUSIONI DALLA GRADUATORIA INTERNA D’ISTITUTO – è stata prevista al punto IV la precedenza per assistenza al coniuge ed al figlio con disabilità; assistenza da parte del figlio referente unico al genitore con disabilità; assistenza da chi esercita la tutela legale, che nel CCNI 2016/2017 era inserita quale precedenza V; inoltre al punto V è stata prevista la precedenza per il personale trasferito d’ufficio negli ultimi 8 anni richiedente il rientro nel comune di precedente titolarità, precedenza che lo scorso anno era inserita al punto IV. Inoltre sono state effettuate in tutto l’articolo, in relazione alle varie precedenze, modifiche che tengono conto del fatto che non esiste più, a seguito dell’accordo politico del 29/12, la preferenza di tipo sintetico “comune”, ma soltanto quella di tipo “scuola o ambito” e, ai fini dei trasferimenti interprovinciali, quella sintetica “provincia”. Inoltre, ai fini delle precedenze previste per il coniuge, è stata inserita anche la parte dell’unione civile, ai sensi della L. 76 del 20/5/2016.

All’art. 17 – CONTENZIOSO – al comma 2) è stato previsto, in relazione alle controversie riguardanti le materie della mobilità, che gli interessati potranno fare richiesta di conciliazione, entro 10 gg dalla pubblicazione degli esiti della mobilità, all’Ufficio presso il quale hanno presentato domanda. In caso di conciliazione per trasferimenti verso province di diverse regioni, l’Ufficio Scolastico che ha ricevuto la domanda acquisisce la valutazione dell’USR relativo alla provincia richiesta. Il comma precisa, inoltre, che non verranno considerate altre forme di contestazione dell’esito del trasferimento, tranne quelle previste in sede di giustizia amministrativa o civile. Analogamente il comma 3) stabilisce che l’accesso agli atti relativi alle procedure di mobilità sia di competenza dell’ufficio presso il quale è stata presentata la domanda di mobilità, che acquisirà anche gli atti relativi a domande presentati presso altri uffici.

L’esito della mobilità verrà notificato a ciascun docente, compresi coloro che non hanno ottenuto il trasferimento.

All’art. 19 – INDIVIDUAZIONE PERDENTI POSTO NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA E PRIMARIA – è stato previsto, al comma 7), per l’individuazione delle situazioni di soprannumero relative all’organico dell’autonomia per l’a.s. in cui sono disposti i trasferimenti, in caso di concorrenza tra più insegnanti, che gli stessi siano considerati in soprannumero, ai fini del trasferimento d’ufficio in base al seguente ordine: 1) docenti a t.i., entrati a far parte dell’organico dell’autonomia o delle singole sedi di organico dei centri territoriali riorganizzati nei CPIA, con decorrenza dal precedente 1° settembre, per mobilità volontaria o per conferimento di incarico triennale; 2) docenti a t.i. entrati a far parte dell’organico dell’autonomia o delle singole sedi di organico dei centri territoriali riorganizzati nei CPIA, con decorrenza dagli anni scolastici precedenti a quello di cui al punto sopra o dal precedente 1° settembre, per mobilità d’ufficio o a domanda condizionata, anche se soddisfatti in una delle preferenze richieste.

È stata, inoltre, prevista l’esclusione da tali graduatorie dei docenti beneficiari delle precedenze di cui ai punti I, III, IV e VII dell’art. 13 del CCNI.

All’art. 21 – INDIVIDUAZIONE PERDENTI POSTO NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO – è stata prevista, al comma 11) una dizione analoga a quella utilizzata all’art. 19 comma 7), prevedendo, tra l’altro, anche l’esclusione dalle graduatorie dei docenti beneficiari delle precedenze di cui ai punti I, III, IV e VII dell’art. 13.

 

 

TABELLE DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PERSONALE DOCENTE

 

Nella Tabella A) – TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI - AI FINI DEI TRASFERIMENTI A DOMANDA E D’UFFICIO PER PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO, nella parte A1) – anzianità di servizio - al punto B) è stata prevista una valutazione di punti 6, ai soli fini della mobilità volontaria per ogni anno di servizio preruolo o di altro servizio di ruolo riconoscibile ai fini della carriera e per ogni anno di servizio preruolo o di altro servizio di ruolo prestato nella scuola dell’infanzia; rimane, invece, confermata per la mobilità d’ufficio la consueta valutazione, cioè punti 3, non essendo stata innovata, in alcun modo, la valutazione prevista dalla Tabella per la mobilità d’ufficio. Analoga modifica è stata attuata al punto B1) per i medesimi servizi prestati nelle piccole isole, ai fini del punteggio aggiuntivo.

Inoltre, nella Tabella B) – TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI AI FINI DELLA MOBILITA’ PROFESSIONALE DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO, nella parte B1) – anzianità di servizio - al punto B) per il servizio preruolo o in altro ruolo riconosciuto o riconoscibile ai fini della carriera o servizio preruolo o di altro servizio di ruolo prestato nella scuola dell’infanzia e al punto B1) il punteggio aggiuntivo per il servizio prestato nelle piccole isole, è stato stabilito in ragione di punti 6 per ogni anno.

 

TITOLO II –PERSONALE EDUCATIVO

All’art. 28 – DESTINATARI – al comma 1 si prevede che il trasferimento può essere richiesto per singole istituzioni, comuni o province, richiedendo non più di 9 province oltre a quella di titolarità.

Al comma 2) di tale articolo si precisa, inoltre, quanto segue: “per i movimenti relativi all’a.s. 2018/2019 l’Amministrazione si impegna a consentire a tale personale la presentazione delle domande e la relativa gestione in modalità digitale”.

All’art. 29 – FASI DEI TRASFERIMENTI E PASSAGGI – si confermano, per il personale educativo, tre distinte fasi dei trasferimenti (comunale, provinciale e mobilità professionale/interprovinciale), nel limite del 50% delle disponibilità provinciali, considerato il personale in esubero.

 

TITOLO III – DISPOSIZIONI GENERALI PERSONALE ATA –

Vi segnaliamo che all’art. 34 – CAMPO DI APPLICAZIONE, DURATA E DECORRENZA – si prevede che alla mobilità può partecipare anche il personale che, per qualsiasi motivo, non abbia ancora la sede di titolarità, ivi compreso il personale della Croce Rossa e degli Enti di area vasta che transita nel comparto scuola nei ruoli ATA, ai sensi della legge 190/2014 (art. 1, comma 425), nel corso dell’a.s. 2016/2017.

Inoltre, all’art. 40 – SISTEMA DELLE PRECEDENZE ED ESCLUSIONE DALLA GRADUATORIA INTERNA DI ISTITUTO - in analogia a quanto effettuato per il personale docente all’art. 13 del CCNI, è stata prevista l’inversione delle precedenze IV e V, rispetto al CCNI per l’a.s. 2016/2017.

All’art. 48 – SEZIONI ASSOCIATE (EX SEZIONI STACCATE O COORDINATE) – in analogia a quanto previsto all’art. 3, comma 7 per il personale docente, si è stabilito che, in caso di istituzioni scolastiche con sedi ubicate in comuni diversi rispetto a quello sede di organico, il personale sia assegnato a tali sedi “secondo le modalità e i criteri definiti dalla contrattazione di istituto”.

 

TABELLE DI VALUTAZIONE

Vi segnaliamo, altresì, la modifica effettuata nella Tabella all. E – TABELLE DI VALUTAZIONE DEI TITOLI E DEI SERVIZI, tab A di valutazione dei titoli ai fini dei trasferimenti a domanda, d’ufficio e della mobilità professionale del personale ATA – nella parte prima - Anzianità di servizio -, al punto B) è stato previsto, ai soli fini dei trasferimenti a domanda, la valutazione di ogni mese di servizio non di ruolo o altro servizio riconosciuto o riconoscibile a punti 2, con le precisazioni contenute nelle note 3 e 11 di tale tabella.

Nulla è stato innovato per i trasferimenti d’ufficio.

  • Condividi
Read more

CONCORSO DOCENTI: PROVE SCRITTE SUPPLETIVE – EMANATA NOTA MIUR

Vi comunichiamo che il Miur ha emanato, in data 14/3/2017, la nota n. 11274 avente per oggetto: “DD.DD.GG. n. 105, n. 106 e n.107 del 23 febbraio 2016 - Concorsi per titoli ed esami finalizzati al reclutamento del personale docente per i posti comuni e di sostegno dell’organico dell’autonomia della scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado. Prove scritte suppletive”.

Alla stessa è allegata copia dell’avviso trasmesso, ai fini della pubblicazione, alla G.U. della Repubblica Italiana (IV serie speciale concorsi), nonché il calendario nazionale delle prove scritte suppletive.

  • Condividi
Read more

CARTA DEL DOCENTE-ISTRUZIONI OPERATIVE MIUR

Il MIUR ha pubblicato la nota prot. 5314 del 10-03-2017 avente per oggetto: “Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado (art.1 comma 121 L. 107/2015) – A.S. 2016/2017” con la quale fornisce le istruzioni operative sull’utilizzo della carta in oggetto e la rendicontazione delle somme spese nel periodo 1 settembre 2016/30 novembre 2016 e relativamente all'a.s. 2016-2017.

 

  • Condividi
Read more

Ricorsi proposti dallo Snals di Bologna

RICORSI PER IL RICONOSCIMENTO DEL SERVIZIO DI PRE-RUOLO

RICOSTRUZIONE CARRIERA DOCENTI E ATA

RICORSO PER IL RICONOSCIMENTO DEL SERVIZIO SVOLTO NELLE SCUOLE PARITARIE RICOSTRUZIONE CARRIERA DOCENTI E ATA

RICORSO AL GIUDICE DEL LAVORO PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO PER ILLECITA REITERAZIONE DI CONTRATTI A TERMINE.

RICORSO AL GIUDICE DEL LAVORO RIVOLTO A DOCENTI E ATA PRECARI CON ALMENO TRE ANNI DI SERVIZIO PRESTATO PER ALMENO 180 GIORNI PER ANNO SCOLASTICO PER OTTENERE IL RICONOSCIMENTO DELLE MEDESIME PROGRESSIONI STIPENDIALI RICONOSCIUTE AI DOCENTI/ATA DI RUOLO.

RICORSO AL GIUDICE DEL LAVORO RIVOLTO A DOCENTI E ATA PRECARI PER OTTENERE IL PAGAMENTO DELLE FERIE MATURATE E NON GODUTE, PER L'ANNO SCOLASTICO 2012/2013

  • Condividi
Read more

PASSAGGIO DEI DOCENTI DA AMBITO A SCUOLA: ANCORA UN RINVIO – TERMINATO L’ESAME DELLA O.M. SULLA MOBILITÀ

Ancora una volta l’Amministrazione non ha affrontato, nel previsto incontro con le OO.SS. avente per oggetto: “proseguimento incontro individuazione competenze; proseguimento informativa O.M. mobilità personale scolastico” il delicato tema del CCNI relativo al passaggio del personale docente da ambito a scuola. Occorre, ad avviso dello SNALS-CONFSAL, un confronto a livello politico per dare una corretta interpretazione dell’Accordo politico del 29/12 u.s.; va sicuramente valorizzato, come previsto in tale accordo, il ruolo del collegio dei docenti che deve deliberare nella scelta dei requisiti richiesti al personale docente ai fini della individuazione per competenze.

Per lo SNALS-CONFSAL la delibera del collegio dei docenti è irrinunciabile, anche in considerazione del fatto che si devono individuare professionalità coerenti con il PTOF deliberato dallo stesso collegio.

È terminato, invece, nella tarda mattinata di ieri il confronto sulla O.M. della mobilità del personale docente educativo ed ATA e su quella dei docenti di religione cattolica.

Nel pomeriggio sono state anche esaminate le schede proposte dall’Amministrazione, nelle quali le OO.SS. hanno verificato la rispondenza al dettato contrattuale e alla bozza di O.M..

Tuttavia non sono state ancora fissate le date di presentazione delle domande, in quanto è in corso la verifica congiunta di Funzione Pubblica e MEF sul testo della Ipotesi di CCNI sottoscritta in data 31/01/2017.

Lo SNALS-CONFSAL ha vivacemente protestato per la lungaggine delle procedure di verifica anche interne al MIUR, con particolare riguardo all’Ufficio Centrale del Bilancio e ha invitato l’Amministrazione a riflettere sul grave allungamento della tempistica, invitandola a fare tutto quello che è nelle sue possibilità per garantire al personale certezza sulle date di presentazione delle domande e agli alunni garanzie di un regolare avvio dell’anno scolastico che, continuando di questo passo sembra essere ormai in forse.

  • Condividi
Read more

IMPORTI MASSIMI DELL’INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE NASPI – CIRCOLARE INPS

L’INPS con la circolare n. 36 del 21/2/2017, ha reso nota la misura, in vigore dal 1° gennaio 2017, degli importi massimi dei trattamenti di integrazione salariale, dell’assegno ordinario e dell’assegno emergenziale per il Fondo del Credito, dell’assegno emergenziale per il Fondo del Credito Cooperativo, dell’indennità di disoccupazione NASpI, dell’indennità di disoccupazione agricola, nonché la misura dell’importo mensile dell’assegno per le attività socialmente utili.

Per quanto attiene all’indennità di disoccupazione NASPI, non essendo intervenute modifiche normative, ai sensi e per gli effetti dell’art. 4, comma 2, del decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, la retribuzione da prendere a riferimento per il calcolo delle indennità di disoccupazione NASpI è pari, secondo i criteri già indicati nella circolare n. 94 del 12/05/2015, ad euro 1.195 per il 2017.

Analogamente, l’importo massimo mensile di detta indennità, per la quale non opera la riduzione di cui all’art. 26 della legge n. 41 del 1986, non può in ogni caso superare, per il 2017, euro 1.300.

  • Condividi
Read more

Comunicato agli iscritti

Causa problemi tecnici in via di risoluzione, la linea telefonica non funziona regolarmente, vi ricordiamo che è sempre attivo il numero telefonico per gli iscritti : 3317331819   Dalle 14.00 alle 19.00, dal lunedì al venerdì.

 

  • Condividi
Read more

COMUNICATO STAMPA PUBBLICO IMPIEGO: CONFSAL HA SOTTOSCRITTO OGGI L’ACCORDO QUADRO E NE CHIEDE LA PUNTUALE ATTUAZIONE

 

Roma, 1 dicembre 2016.  La Confsal ha sottoscritto oggi l’accordo-quadro con il governo sulle questioni aperte riguardanti il pubblico impiego, con particolare riferimento ai presupposti economici e normativi necessari al fine di aprire il negoziato per il rinnovo dei contratti di lavoro.

L’intesa impegna, tra l’altro, le parti anche in materia di potenziamento delle relazioni sindacali, di ampliamento della materia negoziale e di attuazione della riforma della pubblica amministrazione.

L’accordo rispecchia in buona parte quanto sostenuto e proposto al governo da parte della Confsal – la quarta confederazione sindacale italiana - nei precedenti incontri politici e tecnici al Ministero della funzione pubblica.

“Ora la Confsal – ha dichiarato il segretario generale Marco Paolo Nigi - chiede al governo di passare dagli impegni sottoscritti ai fatti e agli atti, partendo dall’emanazione dell’atto d’indirizzo all’Aran per l’immediata apertura del negoziato”.

 

 

  • Condividi
Read more

CARTA DEL DOCENTE: PUBBLICATO AVVISO MIUR, DA OGGI ON LINE LA PIATTAFORMA: AL VIA LA REGISTRAZIONE DI ESERCENTI ED ENTI DI FORMAZIONE

Vi comunichiamo che, in data 28 novembre 2016, è stato pubblicato sul sito del MIUR, alla voce dettaglio news-MIUR, un Avviso relativo a “Carta del docente”, che trascriviamo di seguito integralmente.   Con lo stesso, i cui contenuti sono coerenti a quanto aveva anticipato il Capo dipartimento nell’incontro di informativa alle OO.SS., tenutosi in data 21 novembre, si preannuncia che a partire dal 30 novembre sarà possibile per gli insegnanti di ruolo utilizzare on line, tramite un borsellino elettronico, i 500 euro per l’aggiornamento professionale.   Per il supporto degli insegnanti sarà attivato un call center specifico sull’utilizzo della carta    .Nel frattempo, da ieri, è partita la registrazione di esercenti ed Enti di formazione.   Vi ricordiamo che i 500 euro potranno essere spesi generando buoni di spesa sull’apposita piattaforma, per le finalità da noi riferite nel resoconto del 22 novembre (vedi NS n. 182) e riportate nell’Avviso MIUR.

28 novembre 2016

CARTA DEL DOCENTE

Carta del Docente, da oggi on line la piattaforma: al via la registrazione di esercenti ed enti di formazione

È da oggi on line - per consentire la registrazione di enti accreditati ed esercenti - l’applicazione web cartadeldocente.istruzione.it che, a partire dal 30 novembre, consentirà agli insegnanti di ruolo di utilizzare on line, attraverso un borsellino elettronico, i 500 euro per l’aggiornamento professionale.

Quest’anno i 500 euro potranno essere spesi generando sull’apposita piattaforma buoni di spesa per:

  • l'acquisto di libri e di testi, anche in formato digitale;
  • l’acquisto di pubblicazioni e di riviste utili all'aggiornamento professionale;
  • l'acquisto di hardware e software;
  • l'iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell'Istruzione;
  • l’iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale;
  • l’acquisto di biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche;
  • l’acquisto di biglietti di musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;
  • iniziative coerenti con le attività individuate nell'ambito del piano triennale dell'offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione.

Per accedere alla piattaforma serve ottenere l’identità digitale SPID presso uno dei gestori accreditati (http://www.spid.gov.it/richiedi-spid). L’acquisizione delle credenziali SPID si può fare in qualunque momento, non c’è scadenza. Si tratta di un codice unico che consentirà di accedere, con un'unica username e un’unica password, ad un numero considerevole e sempre crescente di servizi pubblici (http://www.spid.gov.it/servizi).

A partire dal 30 novembre, giorno di apertura del sito ai docenti, sarà attivo un call center interamente dedicato all’utilizzo della Carta per supportare gli insegnanti. I buoni di spesa generati dai docenti daranno diritto ad ottenere il bene o il servizio presso gli esercenti o gli enti di formazione registrati con la semplice esibizione su smartphone o tablet. La stampa sarà ovviamente possibile, ma non necessaria.

I 500 euro della Carta del Docente potranno essere spesi in qualunque momento, durante tutto il corso dell’anno scolastico.

Il nuovo sistema che parte quest’anno consentirà agli insegnanti di avere uno strumento elettronico per effettuare e tenere sotto controllo i pagamenti. E alle scuole di essere alleggerite dalla burocrazia e dalle procedure di rendicontazione. Le somme relative all’anno scolastico 2016/2017 eventualmente già spese dal 1° settembre 2016 al 30 novembre 2016 dovranno essere registrate attraverso la piattaforma digitale e saranno erogate ai docenti interessati, a seguito di specifica rendicontazione, dalle scuole di appartenenza.

Per gli enti ed esercenti l’applicazione web prevede una serie di link di approfondimento, domande frequenti e un help desk a supporto della procedura di registrazione. Un esercente o un ente possono registrarsi da oggi in qualsiasi momento, non c’è scadenza limite. Sono già inseriti in piattaforma, fra gli altri, 228 musei 23 aree archeologiche, 8.406 scuole di ogni ordine e grado (per la parte che riguarda la formazione).

  • Condividi
Read more

Mobilità 2017-2018 I sindacati sospendono la trattativa con il Miur

Nell’incontro di oggi pomeriggio 17 novembre l’Amministrazione si è presentata al tavolo senza nessuna risposta rispetto ai nodi fondamentali posti da tutti i sindacati nei tre incontri precedenti. Impraticabile, dunque, la proposta del Miur di continuare il confronto su aspetti secondari della mobilità senza prima aver chiarito i punti nodali su aspetti dirimenti al fine di decidere se ci sono le condizioni, o meno, per pervenire ad un accordo. Da qui la decisione di FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA e SNALS CONFSAL di sospendere la trattativa in attesa di un chiarimento a livello politico. In quella sede valuteremo la reale consistenza delle aperture al confronto manifestate dal Gabinetto Miur nell'incontro 10 ottobre scorso in direzione di una definizione per via contrattuale delle regole per la mobilità.

Roma, 17 novembre 2016

  • Condividi
Read more

29/09/2016 - RICORSI STRAORDINARI PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.M. 495 DEL 22 GIUGNO 2016 – INSERIMENTO NELLE GAE

Ai fini dell’ammissibilità del ricorso è bene che la domanda di inserimento nelle GAE sia stata presentata. Per chi non l’avesse ancora presentata, è opportuno che, quantomeno, la trasmetta in occasione del ricorso straordinario, ovviamente con tutti i rischi connessi alla tardività.

Documenti:

  • Condividi
Read more

26/09/2016 - IMPUGNATIVA D.M. 495/16 RICORSI TAR LAZIO D.M. 495 DEL 22 GIUGNO 2016

Per coloro che sono interessati a intraprendere il contenzioso ma non hanno proposto ricorso al Giudice amministrativo è ancora percorribile la strada del ricorso straordinario al Presidente della Repubblica.
Scadenza 6 Ottobre 2016

Documenti:

  • Condividi
Read more

20/09/2016 - Integrazione grad. definitive utilizz. prov.li ed interprov.li I° grado

Con nota
PROTOCOLLO : 12905
UFFICIO : Reclutamento, mobilità, organici personale docente sec. I grado

DATA PROTOCOLLO : 20/9/2016
DATA PUBBLICAZIONE : 20/9/2016
Ambito territoriale di Bologna ha pubblicato:
l' INTEGRAZIONE graduatorie definitive utilizzazioni provinciali e interprovinciali personale docente scuola secondaria di primo grado. A.S. 2016/17.

 

http://www.bo.istruzioneer.it/site/sipub/schedaDoc.php?des_id=12239

  • Condividi
Read more

20/09/2016 - MOBILITA' ANNUALE DOCENTI SC. INFANZIA A.S. /

CON PROTOCOLLO : 12849
UFFICIO : Reclutamento, mobilità, organici infanzia e primaria
DATA PROTOCOLLO : 20/9/2016
DATA PUBBLICAZIONE : 20/9/2016
Ufficio ambito territoriale di Bologna sul proprio sito ha pubblicato:
Mobilità annuale personale docente scuola infanzia a.s. 2016/17 : operazioni di utilizzazione ed assegnazione provinciale ed interprovinciale

http://www.bo.istruzioneer.it/site/sipub/schedaDoc.php?des_id=12238

  • Condividi
Read more

15/09/2016 - Riepilogo delle operazioni di individuazione docenti per la stipula di contratti a t.i.a.s. 2016/17

Riepilogo delle operazioni di individuazione dei docenti per la stipula di contratti a tempo indeterminato a.s. 2016/17 da Concorso ordinario. Scuola secondaria secondo grado. ex C.C. A020, A035, A042, A047, A049, A057, A067. A346, A446, C033, C050, C320

Riferimenti:

  • Condividi
Read more

12/09/2016 - Calendario operazioni individuazione docenti scuola sec. I° stipula di contratti a T.I. a.s. 2016/17

Calendario operazioni individuazione docenti scuola secondaria di primo grado per la stipula di contratti a tempo indeterminato. A.S.2016/17 dalle graduatorie ad esaurimento.

PROTOCOLLO : 12431
UFFICIO : Reclutamento, mobilità, organici personale docente sec. I grado
DATA PROTOCOLLO : 12/9/2016
DATA PUBBLICAZIONE : 12/9/2016

Riferimenti:

  • Condividi
Read more

10/09/2016 - Collab. Scol. Pubblicaz. posti disponibili per conferimento incarichi tempo determ. a.s. 2016-17

Personale ATA – Pubblicazione posti disponibili per supplenze temporanee fino
al termine delle attività didattiche per i profili di Collaboratore Scolastico e Addetto alle Aziende Agraria. Convocazione 12 settembre 2016 ore 9.30 c/o I.I.S. Belluzzi di Bologna. 

Riferimenti:

  • Condividi
Read more

08/09/2016 - Assunzioni a tempo indeterminato personale docente scuola dell’infanzia e primaria. A.s. 2016-17

Con preghiera della massima diffusione, si rende noto che le operazioni di
assunzione a tempo indeterminato del personale docente della scuola dell’infanzia e della
scuola primaria avverranno il 10/09/2016 presso l’IC 6 di Bologna, Via Finelli 2 e ruoli di istruzione. I candidati convocati dovranno presentarsi muniti di idoneo
documento in corso di validità e potranno, in caso di impossibilità a presenziare alla
convocazione, farsi rappresentare da persona munita di apposita delega scritta e di copia
del documento d’identità del delegante e del delegato. In alternativa potranno far
pervenire delega al Dirigente di questo Ufficio con elencazione delle preferenze relative
agli ambiti territoriali prescelti.

http://www.bo.istruzioneer.it/site/sipub/schedaDoc.php?des_id=12178

  • Condividi
Read more